Vedere il mondo a 100 milioni di colori grazie ad un rivoluzionario paio di occhiali

Vedere il mondo a 100 milioni di colori grazie ad un rivoluzionario paio di occhiali

- in Cultura, Scienza
1427
0

Un team di ricercatori americani avrebbe inventato degli occhiali che consentono una vista tetracromatica, normalmente impossibile per l’occhio umano.

La tetracromia è considerata una condizione rara negli esseri umani, che consente a chi la possiede di vedere e distinguere sfumature di colori che normalmente l’occhio umano non riesce a cogliere. Alcuni ricercatori però avrebbero sviluppato un paio di occhiali che consentiranno una vista con la massima gamma di colori possibile.  Pubblicata sulla rivista scientifica New Scientist, la ricerca che ha portato alla realizzazione di questo innovativo kit di lenti è stata condotta da un team di scienziati dell’Università del Wisconsin-  Madison, e potrebbe essere sfruttata ad esempio per distinguere le banconote contraffatte, per migliorare le tecnologie legate alla mimetizzazione oppure per distinguere fra due tonalità di colore che per effetto del metamerismo potrebbero sembrare uguali ma che in realtà sono leggermente differenti.

La retina dell’occhio umano è normalmente dotata di tre tipi di cellule o “coni”: il tipo “S” che è sensibile alle lunghezza d’onda corte (blu), il tipo “M”, sensibile alle lunghezze d’onda medie (verde) e quello “L”, sensibile alle lunghezze d’onda lunghe (rosso). La maggior parte degli esseri umani quindi presentano tricromia, ma vi sono alcuni rari casi in cui è presente la tetracromia poiché la retina presenta un cono in più, situato fra quello del verde e quello del rosso, che consente di vedere la luce ultravioletta ed un numero significativo di sfumature di colore in più che sono invisibili alla maggioranza delle persone. Così, se normalmente l’occhio umano è capace di individuare un milione di colori, quello di una persona con tetracromia può percepirne circa 100 milioni. Si pensa che, essendo due delle cellule retinali codificate dai geni associati al cromosoma X, le donne abbiano più probabilità di presentare tetracromia. Al momento sono stati identificati soltanto due casi al mondo, una dei quali è un’artista ed insegnante californiana, Concetta Antico. Diagnosticare la tetracromia inoltre è difficile anche perché ognuno ha la sua visione soggettiva dei colori ed in genere non si rende conto se il suo modo di vedere è più “colorato” rispetto agli altri.

Gli occhiali di nuova concezione realizzati dai ricercatori americani funzionano filtrando alcune parti dello spettro di luce blu. In tal modo vengono annullati gli effetti del metamerismo, ovvero quel fenomeno per cui mescolanze diverse di colori, dette distribuzioni spettrali, generano una medesima sensazione cromatica. Le differenze minime di tonalità vengono percepite dall’occhio umano attraverso queste lenti, con dei risultati stupefacenti. Per il momento i ricercatori hanno solo lavorato sui metameri ottenuti col colore blu (come abbiamo visto nell’illusione ottica delle fragole), ma a breve nuove sperimentazioni verranno condotte per realizzare il modello definitivo che consenta di individuare nuove sfumature anche con luce rossa e verde.

Volete scoprire se avete anche voi una super vista? Osservate questa immagine:

Se vedete solamente tre cerchi, riempiti con dei puntini colorati, la vostra vista è nella norma. Se invece riuscite ad individuare all’interno dei cerchi delle lettere di differente colore siete fra i pochi fortunati ad avere una visione multicolor!

 

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Donazione del sangue del cordone: quello che non viene detto sui rischi per il neonato

Per lo Stato italiano il taglio immediato del