Toyota, brevetti gratis sull’idrogeno «Da soli non si va avanti»

171

Brevetti «open source», collaborazioni libere con i concorrenti, la Toyota ha annunciato che metterà a disposizione quasi 6 mila licenze sulla tecnologia a idrogeno che ha sviluppato per le automobili.
shadow carousel Toyota Mirai, la berlina a idrogeno.


LAPR0672_MGTHUMB-INTERNA
È raro vedere tanto «generosità» in campo automobilistico, dove si lotta sul filo dei ricavi e si investono miliardi in ricerca e sviluppo. Ma c’è una spiegazione semplice: l’auto a idrogeno non è così complicata da realizzare, il problema semmai è trovare un sistema sostenibile produrre l’idrogeno, abbattere i costi, e realizzare i distributori che sono rarissimi.I giapponesi ammettono che da soli non si va avanti, che servono alleanze e soluzioni condivise per lanciare automobili «verdi» capaci di inquinare il meno possibile. E certo si guardano bene dallo svelare i segreti della tecnologia ibrida che li ha resi ricchi e famosi. «Un’azienda da sola non può costruire una società che va idrogeno – ha detto il presidente Akio Toyoda-, servono sforzi e investimenti su scala mondiale». La possibilità per altri costruttori di utilizzare la maggior parte delle licenze sarà gratuita fino al 2020, poi si vedrà. Una mossa simile l’ha fatta qualche mese fa Elon Musk, fondatore della Tesla, rivelando parte dei segreti delle sue vetture elettriche.revetti «open source», collaborazioni libere con i concorrenti, la Toyota ha annunciato che metterà a disposizione quasi 6 mila licenze sulla tecnologia a idrogeno che ha sviluppato per le automobili.

 

 

http://ununiverso.altervista.org/blog/toyota-brevetti-gratis-sullidrogeno-da-soli-non-si-va-avanti/