Terremoto in centro Italia: l’Ue resta indifferente, al contrario della Russia

Terremoto in centro Italia: l’Ue resta indifferente, al contrario della Russia

- in Italia
449
0

Nel centro Italia ancora si fanno i conti con i danni causati dal terremoto: l’Ue è indifferente di fronte agli sfollati, mentre la Russia ha promesso aiuti

Davanti al disastro provocato dal terremoto nelle zone del centro Italia, è emersa ancora una volta la scarsa utilità dell’Unione Europea così com’è concepita attualmente, fin troppo attenta a numeri e percentuali e ben poco alle reali necessità dei cittadini che la compongono. Alla lettera italiana che chiedeva maggiore flessibilità e possibilità di sforamenti per far fronte alle spese per la ricostruzione delle aree danneggiate dal terremoto, ha risposto con la consueta rigidità e gli ammonimenti che ormai caratterizzano i rapporti fra Bruxelles e l’Italia.

Ben diverso, invece, l’atteggiamento assunto dalla Russia: in una telefonata intercorsa fra Matteo Renzi e Vladimir Putin, il leader russo ha espresso tutta la propria solidarietà e vicinanza, aggiungendo che la Russia è pronta ad offrire il proprio aiuto per meglio affrontare la situazione di emergenza che ha colpito le regioni centrali del nostro Paese. Dall’Unione Europea, al contrario, nessun segnale in tal senso, nonostante il patrimonio storico, e non solo, italiano sia a tutti gli effetti anche patrimonio europeo, e come tale Bruxelles ha tutto l’interesse a tutelarlo.

D’altro canto, però, nemmeno Renzi sta gestendo in maniera ottimale la situazione post-terremoto: nella legge di bilancio ha stanziato 600 milioni di euro da destinare al terremoto – ma l’ammontare dei danni, pur non essendo ancora certo, è nettamente superiore – nonostante abbia richiesto all’Ue una cifra di poco inferiore ai 3,4 miliardi di euro. Appare evidente la sua intenzione di utilizzare quei soldi per altri scopi, molto presumibilmente “elettorali”.

Di fronte ad un atteggiamento “furbesco” come questo, si può in parte comprendere la replica dell’Unione Europea, ma certo il comportamento poco credibile da parte del governo non può giustificare la totale indifferenza di Bruxelles verso la situazione di emergenza che sta vivendo il centro Italia, provato da due violenti terremoti nel giro di pochi mesi. Un’indifferenza che fa sembrare ancora più lontana l’Europa, che si conferma un’istituzione “fredda”, troppo concentrata sui decimali delle manovre finanziarie e incapace di porgere una mano d’aiuto, come invece ha fatto fin dalle prime ore successive ai crolli la Russia di Putin.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Gli utilizzi alternativi della carta stagnola che non conoscevi

Se fino a questo momento avete pensato che la