Terremoti: la causa può essere l’estrazione del petrolio

Terremoti: la causa può essere l’estrazione del petrolio

- in Scienza
585
0

Negli anni è diventata sempre più concreta la teoria secondo cui i terremoti potrebbero essere causati dall’estrazione del petrolio. Il caso dell’Oklahoma

E se dietro i terremoti ci fosse la mano dell’uomo? Una teoria scarsamente presa in considerazione fino a poco tempo fa sta diventando sempre più concreta negli ultimi anni: alla base dei sismi potrebbe esserci l’estrazione del petrolio, come sostiene uno studio effettuato sul terremoto che colpì l’Oklahoma nel 2011 e con molta probabilità causato dall’iniezione di liquidi di scarto prodotti dall’industria petrolifera nel sottosuolo. Per la cronaca, quello fu il terremoto più forte in assoluto registrato nell’area.

petrolio

La zona interessata fu quella di Prague, proprio al centro dello Stato dell’Oklahoma, dove il sisma raggiunse la magnitudo di 5.7 e fu il più violento di una serie di terremoti provocati, secondo alcuni studiosi, dall’attività di estrazione del petrolio praticata nell’area. La causa andrebbe ricercata in particolare nel metodo usato per l’estrazione, ovvero il fracking, sistema che prevede il pompaggio di acqua più additivi chimici nel sottosuolo ad alta pressione, così da frantumare le rocce e permettere la fuoriuscita di petrolio e gas.

Il fracking produce notevoli quantità di liquidi di scarto che vengono poi immessi nel sottosuolo nell’opera di smaltimento a lavori ultimati. Tale sistema di estrazione si è affermato negli ultimi anni poiché incrementa la quantità di materiale estraibile dal sottosuolo, al contempo però è considerato responsabile di alcuni fenomeni sismici, verificatisi negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, nel Lancashire. Entrando nello specifico, a causare i terremoti è proprio la fase finale del fracking, ovvero l’iniezione nel sottosuolo dei liquidi di scarto.

Questi liquidi sono formati in prevalenza da acqua che, con il passare del tempo e l’aumento della pressione, porta i pozzi a premere contro le faglie geologiche; quando tale pressione porta alla rottura della faglia, ecco che si verifica il terremoto. Gli episodi sismici si verificano con maggior frequenza quando il pozzo si trova molto vicino ad una faglia. Un tempo decisamente rari, i terremoti provocati dall’uomo sono oggi decisamente più frequenti: per questo occorre rivedere il sistema di iniezione dei liquidi di scarto nel sottosuolo, poiché quello utilizzato attualmente si sta rivelando piuttosto pericoloso.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Il segreto della felicità? Essere sinceri, sempre

Chi mente, anche se lo fa a fin