Ricominciare daccapo in Nuova Zelanda: la storia di Yuri e Daniela

Ricominciare daccapo in Nuova Zelanda: la storia di Yuri e Daniela

- in Lifestyle
451
0
Fonte immagine: https://plus.google.com/103644401360459104966

Una nuova vita in Nuova Zelanda: sono ripartiti dagli antipodi Yuri e Daniela, che hanno mollato tutto per lanciarsi nella produzione di gelato artigianale

La vecchia vita, e soprattutto i suoi ritmi serrati, era diventata insostenibile e così Yuri e Daniela, marito e moglie, hanno deciso di lasciarsela alle spalle e ricominciare letteralmente dall’altra parte del mondo, in Nuova Zelanda. Terra di rugbisti e velisti, li ha accolti offrendo loro una nuova vita e adesso i due la definiscono la “terra più bella del mondo”, nella quale si sono stabiliti con i loro figli da ormai cinque anni, senza alcun pentimento per la scelta fatta.

Daniela era impiegata di banca a Genova, Yuri socio in un ristorante ed entrambi alle prese con lo stress della quotidianità: “Eravamo arrivati al punto di dover annullare le nostre vite per il lavoro”. Inevitabile, dunque, darci un taglio; adesso producono gelato artigianale a Nelson, dove stanno promuovendo il marchioGelato Roma” e puntano ad espandersi in tutta la Nuova Zelanda, grazie alla qualità del prodotto artigianale e soprattutto senza la necessità di dover sacrificare la loro esistenza sull’altare del lavoro.

DANIELA-NUOVA-ZELANDA3

I primi tempi non sono stati semplici, ma dopo aver rilevato una gelateria Yuri ha avuto l’intuizione giusta: puntare sui prodotti freschi. La gran parte delle aziende produttrici, infatti, importa dall’Italia i preparati industriali per poi mescolarli con il latte, Yuri e Daniela hanno invece deciso di investire sui prodotti freschi locali – a partire dalla frutta per arrivare sino a nocciola e cioccolato – per realizzare i gelati. Una mossa azzeccata, visto che i neozelandesi sono fra i maggiori consumatori al mondo di gelato.

E abituarsi alla Nuova Zelanda è stato più semplice del previsto: il territorio ha un’estensione di poco inferiore a quello italiano, ma gli abitanti sono appena 4 milioni; non ci sono treni e sulle lunghe distanze ci si sposta con gli aerei. Grandi differenze soprattutto a livello burocratico: tenere in piedi un’azienda è decisamente più facile rispetto all’Italia e la qualità complessiva della vita è superiore. Ecco perché, nonostante avvertano la mancanza dell’Italia, Daniela e Yuri non tornerebbero indietro: “Questo è il nostro paradiso in terra”.

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Telefonini e smartphone: è pericoloso averli a “contatto”?

La recente sentenza del Tribunale di Ivrea ha