Proprietà e benefici dell’amla

Proprietà e benefici dell’amla

- in Salute
397
0

Nell’ayurveda si fa spesso riferimento ad un piccolo frutto chiamato amla (nome scientifico Phyllanthus Emblica Linn). Questo frutto viene usato da più di 5000 anni in India, col fine di ringiovanire il corpo e rinforzare il sistema immunitario.

Di colore giallo e verde, l’amla è molto diffusa in Asia ma poco conosciuta in Italia. Possiede antiossidanti come polifenoli e vitamina C, che proteggono da malattie croniche come cancro, malattie cardiache e diabete.

100 grammi di amla possono apportare al nostro corpo circa 450 milligrammi di vitamina C. Di seguito tutti i benefici di questo frutto:

  1. Cura il mal di stomaco. Tanti problemi addominali si possono risolvere con l’amla: diarrea, vomito, coliche, infezioni e altri problemi digestivi.
  2. Previene il diabete. L’amla migliora la funzione del fegato, aiuta a curare la pancreatite, il gonfiore e il dolore del pancreas. Il suo consumo regolare riduce il livello di zucchero nelle persone con diabete di tipo 2.
  3. Disintossica il fegato. E’ stato dimostrato scientificamente che l’amla è ottima nella pulizia del fegato in quanto aiuta ad espellere le tossine.
  4. Tratta il cancro. Gli antiossidanti contenuti nell’amla possono giocare un ruolo importante nel trattamento contro il cancro.
  5. Rigenera la pelle. Questo incredibile frutto viene usato contro eruzioni cutanee, brufoli e altri problemi della pelle.
  6. Stimola la crescita dei capelli. Mescola della polvere di amla con dell’acqua calda, poi applica sul cuoio capelluto effettuando massaggi. Dopo 30 minuti i tuoi capelli saranno più idratati, protetti e luminosi.

E’ possibile acquistare l’amla in erboristeria, spesso viene venduta sotto forma di frutto, ma sono diffusi anche polveri ed estratti di amla.

 

 

 

Fonte: rimedio-naturale.it

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Gli utilizzi alternativi della carta stagnola che non conoscevi

Se fino a questo momento avete pensato che la