La NASA conferma la possibile esistenza del Pianeta X

276

Esistono prove sufficienti per affermare l’esistenza del Pianeta X nel sistema solare: la straordinaria rivelazione della NASA.

Lo scorso 4 ottobre la NASA ha rilasciato un comunicato stampa in cui si afferma l’esistenza di prove sufficienti per sostenere che nel sistema solare sia effettivamente presente il Pianeta 9, spesso denominato Planet X, ed il suo diametro sarebbe 10 volte più grande di quello terrestre. L’agenzia governativa ha messo sul tavolo diverse prove che suggeriscono l’esistenza di questo “pianeta errante” situato oltre l’orbita del pianeta Nettuno, ma che sinora non è stato ancora avvistato o localizzato.

planet-x

Le prime teorie sul Planet X

L’esistenza del Planet X venne teorizzata per la prima volta nel 2014 dagli scienziati della Caltech University, basandosi su alcune osservazioni, come ad esempio l’orbita anomala seguita da alcuni corpi ghiacciati nella cintura di Kuiper. L’astrofisico planetario della Caltech, il dottor Batygin, ha presentato uno studio effettuato su 6 particolari oggetti presenti nella cintura di Kuiper che presentano tutte un’orbita ellitica e puntano nella medesima direzione, inclinate di 30° verso il basso rispetto alla normale orbita dei pianeti del sistema solare. Questa è la prova che nelle vicinanze dovrebbe trovarsi un corpo planetario di dimensioni importanti capace di esercitare un’attrazione gravitazionale tale da far inclinare l’orbita di altri corpi celesti.

planet-x

Per fare luce sulla questione, il dottor Batygin ed il suo team hanno eseguito delle simulazioni al computer, dove, in un modellino del sistema solare, è stato inserito anche il Pianeta 9. I ricercatori hanno così scoperto che oltre Nettuno ci dovrebbero essere altri corpi celesti ma con un’inclinazione di 90 gradi rispetto al piano normale degli altri otto pianeti.

planet-x

Un imponente corpo planetario capace di influenzare l’orbita degli altri corpi celesti

Un altro studio portato avanti dalla dottoressa Elisabeth Bailey, appartenente al team di Batygin, ha mostrato in che modo il Pianeta X abbia potuto inclinare i pianeti del sistema solare negli ultimi 4,5 miliardi di anni. Gli astronomi hanno dimostrato che la presenza del Pianeta X potrebbe spiegare il comportamento anomalo dei corpi celesti della cintura di Kuiper, che ruotano intorno al Sole in direzione opposta rispetto agli altri. L’esistenza di questo pianeta è la spiegazione più plausibile di tale stranezza. A detta degli scienziati, probabilmente, questo imponente corpo planetario si è “sganciato” da un altro sistema di pianeti oppure dal sistema solare stesso. Così, durante il suo transito, per via della sua massa, causa nelle anomalie nelle orbite degli altri corpi celesti.

Il Team di BreakNotizie

Leggi anche:

7 nomi per 7 pianeti: la NASA ci chiede quali nomi dare ai pianeti di Trappist– 1

Avvistate tre torri artificiali su Marte: la NASA censura le foto del satellite [VIDEO]