Nuova Zelanda: si spiaggiano 400 balene, in salvo solo un centinaio

Nuova Zelanda: si spiaggiano 400 balene, in salvo solo un centinaio

- in Animali
638
0
Fonte immagine: http://www.repubblica.it/ambiente/2017/02/10/foto/nuova_zelanda_corsa_contro_il_tempo_per_salvare_400_balene_spiaggiate_-157969134/1/#1

Delle oltre 400 balene spiaggiate in una baia neozelandese, i volontari sono riusciti a salvarne soltanto un centinaio. Nulla da fare per tutte le altre

Sono più di 300 le balene pilota che non ce l’hanno fatta, delle oltre 400 che si erano spiaggiate lo scorso venerdì nella baia di Farewell Spit, situata nella zona nord dell’Isola del Sud, una delle principali spiagge della Nuova Zelanda. Il gruppo di volontari che si è messo all’opera fin dalle prime ore è riuscito a riportare in mare soltanto un centinaio delle balene che si erano arenate, spintesi sin sulla riva forse per sfuggire ad un attacco di un branco di squali.

Per evitarne la morte, gruppi di uomini e donne hanno cercato di mantenere bagnati i cetacei per molte ore, con impacchi e getti d’acqua mentre si cercava di spingerli nuovamente in mare. A dare una mano ai volontari c’è stato l’arrivo di un branco di altre balene pilota, che hanno aiutato quelle riportate in mare a tornare in acque più profonde ed evitare così di essere spinte dal mare di nuovo verso la spiaggia. Gli animali – che possono pesare fino a 3 tonnellate e superare i 6 metri di lunghezza – potrebbero aver sbagliato rotta, rimanendo intrappolate sulla riva.Whales are stranded at Farewell Spit near Nelson, New Zealand Friday, Feb. 10, 2017. New Zealand volunteers formed a human chain in the water at a remote beach on Friday as they tried to save about 100 whales after more than 400 of the creatures beached themselves in one of the worst whale strandings in the nation's history. About three-quarters of the pilot whales were already dead when they were found Friday morning at Farewell Spit at the tip of the South Island. (Tim Cuff/New Zealand Herald via AP) [CopyrightNotice: New Zealand Herald]

Alcuni dei volontari pensano però che non si sia trattato di un errore, poiché alcuni esemplari presentavano i segni di morsi causati molto probabilmente dall’attacco di squali. Per cercare di sfuggire, le balene pilota potrebbero aver deviato dalla loro rotta ed essersi così ritrovate a pochi metri dalla riva, finendo spiaggiate. Le ragioni che si celano dietro gli spiaggiamenti sono però ancora oscure per la scienza, e non si escludono altre motivazioni. 

 

Una balena potrebbe essere spinta verso la terraferma da ragioni di salute, oppure per l’errore di un singolo esemplare, che dopo essersi spiaggiato lancia dei segnali facendo così spiaggiare involontariamente anche il resto del branco. Uno spiaggiamento di simili proporzioni, però, mantiene degli elementi oscuri, e il gruppo di volontari ha ammesso di non aver mai visto niente del genere prima d’ora. Servirà indagare per far luce su quello che in molti hanno già definito un vero e proprio mistero.

 

Il team BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Telefonini e smartphone: è pericoloso averli a “contatto”?

La recente sentenza del Tribunale di Ivrea ha