Misterioso segnale radio proveniente da una galassia lontana: di chi si tratta?

539
misterioso-segnale-radio

Una fonte misteriosa, situata a 1,5 miliardi di anni luce dalla Terra, sta emettendo un segnale ripetitivo di onde radio. Molte le ipotesi sulla sua natura, fra cui una possibile civiltà aliena. Ecco i dettagli.

Si tratta di un evento molto raro, osservato solamente un’altra volta: un breve ma potente impulso di onde radio con un inconsueto segnale ripetitivo provenienti da una stessa fonte situata a 1,5 miliardi di anni luce dalla Terra, nello spazio profondo. Il segnale è stato captato dal radiotelescopio canadese Chime, installato lo scorso anno nella Valle Okangan, in British Columbia ed i risultati dell’osservazione sono stati pubblicati di recente sulla celebre rivista scientifica Nature.

misterioso-segnale-radio

L’impulso radio più potente mai intercettato

La ricerca parla nel dettaglio di un lampo radio veloce (fast radio burst), fenomeno astrofisico che si manifesta come un impulso radio della durata di pochi millisecondi. Consiste in una serie di lampi molto luminosi nella banda radio, provenienti dall’esterno della Via Lattea; si suppone si propaghino attraverso un plasma ionizzato. L’origine dei lampi radio veloci è ancora sconosciuta e sinora sono state avanzate spiegazioni sia naturali che artificiali ma si parla soltanto di ipotesi.

Si tratta del segnale radio più potente mai intercettato sinora. Proprio per questo gli astrofisici suppongono che il fascio di energia passi attraverso un enorme campo magnetico costituito da plasma denso. Per avere un’idea della sua potenza basti pensare che il fascio energetico prodotto, simile ad un lampo, dura meno di un millisecondo ma è capace di irradiare una quantità di energia sufficiente uguale a quella del sole nel corso di una giornata terrestre. La fonte potrebbe trovarsi in prossimità di un buco nero di notevoli dimensioni, oppure nelle vicinanze di una giovane stella di neutroni situata all’interno del residuo di una supernova o all’interno di una nebulosa.

Origine ignota

Con un numero maggiore di ripetitori e più fonti disponibili per lo studio, si potrebbe comprendere meglio questi ‘enigmi’ cosmici, qual è la loro origine e cosa li genera”. Queste le parole di Ingrid Stairs, astrofisica dell’Università della British Columbia (UBC). E in effetti questo segnale ripetitivo che ha catturato l’interesse dei ricercatori per ora resta un vero e proprio mistero. Numerose le ipotesi suggestive: oltre ad una pulsar dotata di un fortissimo campo magnetico, e a stelle di neutroni che si uniscono, anche un possibile messaggio proveniente da una civiltà aliena. Tuttavia, quest’ultima è l’ipotesi meno quotata dagli scienziati, che pensano più a fenomeni estremi come stelle compatte (buchi neri e pulsar).

 

Il Team di BreakNotizie

 

Leggi anche:

La Terra sta rallentando per colpa della Luna

Coscienza e Universo: ecco perché la realtà è solo un’illusione

Qual è il vero scopo dell’Universo?