Medici in allarme per il ritorno dello scorbuto

Medici in allarme per il ritorno dello scorbuto

- in Salute
752
0

Desta qualche timore il ritorno dello scorbuto, la malattia causata dalla mancanza di vitamina C. I medici accusano i regimi alimentari squilibrati

Sembrava una malattia ormai definitivamente debellata, ma lo scorbuto ha fatto la sua ricomparsa in Australia e Gran Bretagna, destando l’apprensione e la perplessità dei medici che si sono ritrovati a curare pazienti colpiti da questa malattia. A causare lo scorbuto è l’assenza di vitamina C, per tale ragione il dito è stato subito puntato sulle abitudini alimentari moderne, spesso squilibrate e che non tengono conto di quelle che sono le esigenze dell’organismo.

Nel corso del XX secolo lo scorbuto era definita la “malattia dei marinai”, colpiti da tale patologia durante i lunghi periodi trascorsi in mare nei quali l’alimentazione veniva per forza di cose trascurata; non si tratta di una patologia da sottovalutare o da prendere alla leggera, poiché porta alla caduta dei denti, rende incurabili tagli e ferite e provoca sanguinamenti nelle mucose. Se l’organismo non dispone di sufficiente vitamina C, non è in grado di ricostruire il tessuto connettivo, con conseguenze e ripercussioni negative.

slide_5

Sono sufficienti appena 30 giorni senza vitamina C per favorire l’insorgenza dello scorbuto, una malattia quindi facile da prevenire inserendo nella propria dieta alimenti che contengono tale vitamina. Facile ma evidentemente non a sufficienza per le 12 persone ricoverate a Sydney con i sintomi della malattia e per altre che hanno evidenziato i medesimi disturbi in Gran Bretagna.

In entrambi i casi, il colpevole è stato facilmente individuato: la dieta a base di cibi industriali e nella quale era del tutto assente la frutta. Ecco perché il nutrizionista britannico Mark Temple ha lanciato l’allarme, facendo notare quanto il pericolo di incappare nello scorbuto sia più concreto di quanto si pensi. Secondo Temple, il regime alimentare che molte persone seguono al giorno d’oggi è disastroso, di qualità addirittura inferiore a quello che si era costretti a seguire durante la Seconda guerra mondiale, a dispetto delle ristrettezze e delle difficoltà che le persone si ritrovavano ad affrontare ogni giorno per potersi nutrire.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Hai di fronte un bugiardo? Ecco come smascherarlo!

Grazie al linguaggio del corpo è possibile individuare