Alla scoperta della luffa, spugna vegetale da coltivare in casa

289
luffa-da-coltivare-in-casa
Natural Skincare Products

Sapevate che è possibile coltivare delle spugne 100% vegetali nel vostro giardino? Basta piantare la luffa, una stretta parente delle zucchine. Vediamo insieme come fare.

Avere un proprio orticello da coltivare regala sempre grandi soddisfazioni ed il ventaglio di scelta fra le specie da coltivare è davvero ampia: frutta, verdura, fiori… ma sapevate che è possibile coltivare anche delle spugne vegetali? Basta piantare il seme di Luffa(Luffa Cylindrica o Loofath), un ortaggio appartenente alla famiglia delle curcubitacee di origine sudamericana e stretta parente delle comuni zucchine. Coltivando la luffa nel vostro orto sarà possibile autoprodurre delle spugne vegetali da bagno ecologiche e a chilometro zero, dando persino una mano all’ambiente. Meglio di così! Vediamo come si fa.

Come coltivare la luffa per avere una spugna 100% vegetale

La peculiarità della Luffa è il suo essere particolarmente fibrosa, caratteristica che non la rende adatta al consumo alimentare ma perfetta per altri usi molto interessanti. Come si coltiva? Anzitutto occorre procurarsi un vaso di medie dimensioni, riponendo sul fondo uno strato argilloso, al quale va aggiunto il terriccio insieme a un po’ di compost maturo. Piantare i semi è semplicissimo: basta fare dei buchi nel terriccio con le dita e mettere i semi, poi coprirli col terriccio e innaffiare il vaso regolarmente, tenendolo in pieno sole per una settimana, sino a quando non inizieranno a spuntare i germogli.

luffa-da-coltivare-in-casa

Durante la crescita è consigliabile dare una mano alle piantine, aiutandole con delle piccole canne in bambù o con del graticcio. I frutti di luffa si svilupperanno dopo 5 mesi circa, assumendo via via un colore marroncino. La raccolta sarà possibile una volta che la pianta sarà morta.

Come si prepara la spugna di luffa

Una volta raccolti i frutti, si stacca la pelle esterna e si schiacciano dal centro verso l’esterno in modo da fare uscire i semini, che potranno essere essiccati e poi utilizzati per una nuova semina l’anno seguente. Una volta rimossi i semi e la parte più carnosa dei frutti avrete ottenuto la vostra spugna 100% bio: basterà lasciarla essiccare per poterla utilizzare poi sotto la doccia.

Se non si ama particolarmente il suo colore marroncino si può sbiancare mettendo la luffa in ammollo con bicarbonato di sodio ed acqua tiepida, in modo da farla sembrare una spugna da supermercato, ma non si tratta comunque di un passaggio necessario, la sua efficacia è assicurata anche al naturale.

luffa-da-coltivare-in-casa

La durata di una spugna 100% veg

La spugna di luffa è l’ideale per esfoliare la pelle e la sua durata può variare in base all’utilizzo che se ne fa e alla frequenza. In genere, però, è consigliabile non protrarne l’uso oltre il mese, in modo da evitare il proliferare di batteri nocivi al suo interno.

Il Team di Breaknotizie