La sinusite si cura… mangiando!

La sinusite si cura… mangiando!

- in Salute
679
0

Soffrite di sinusite cronica ed avete costantemente il naso tappato? La causa potrebbe risiedere nel vostro intestino.

La sinusite è un disturbo sempre più diffuso: solamente negli Stati Uniti si contano oltre 37 milioni di casi all’anno. Si tratta di un processo infiammatorio che coinvolge le mucose dei seni paranasali: all’origine di tale patologia vi è in genere uno stato infettivo non risolto, cagionato da batteri, miceti o virus che induce la produzione eccessiva di muco e al rigonfiamento della mucosa che permea le pareti paranasali e nasali. Ne deriva un restringimento degli osti, piccoli orifizi che collegano le cavità nasali con i seni paranasali, ed un conseguente ristagno all’interno di questi ultimi, che divengono terreno fertile per la proliferazione di batteri.

Il muco si deposita così nei seni frontali, all’altezza della fronte, nei seni sfenoidali, in corrispondenza delle cavità orbitali e nei seni mascellari. Il sintomo che consente di distinguere la sinusite da altri disturbi è appunto il dolore nelle aree del viso succitate, dovuto al muco “stagnante” e all’infiammazione delle mucose. Le cause della sinusite, però, non andrebbero ricercate soltanto nei fattori esterni, come ad esempio la qualità dell’aria inspirata o negli agenti patogeni ma anche nello stile di vita della persona, in particolare nell’alimentazione.

Esisterebbero infatti alcuni cibi che favorirebbero la produzione di muco. Le mucose del nostro organismo infatti sono in comunicazione fra loro, dunque ciò che incide su una si ripercuote anche sulle altre. Esiste una stretta correlazione fra mucose respiratorie e mucosa intestinale e ciò spiega il motivo per il quale l’assunzione di cibi che causano infiammazione e congestione intestinale si traduce pure nelle difficoltà della mucosa respiratoria di drenare e pulire le vie aeree, col conseguente ristagno di secrezioni. In questi casi i medici di famiglia prescrivono antibiotici e farmaci mucolitici per fluidificare il muco in modo da facilitarne l’espulsione, ma in realtà non risolvono del tutto il problema, anzi: gli antibiotici, ad esempio, eliminando anche i batteri “buoni” dell’organismo, hanno l’effetto di abbassare le nostre difese immunitarie ed esporci a nuove infezioni ed infiammazioni, in un circolo vizioso. Non sempre la medicina tradizionale è la soluzione migliore, specialmente se la causa diretta della sinusite è il riflesso della condizione immunitaria del nostro intestino. La sinusite, sia in forma acuta che cronica, risponde molto bene invece alle medicine naturali.

Vi sono dunque alcuni alimenti che dovremmo evitare poiché agiscono da “pro-infiammatori” ed aumentano la secrezione di muco. Questo è il primo passo per stare meglio. Gli alimenti “colpevoli” sono il caffè, l’alcool, le uova, le farine ed i cereali raffinati, i fritti, gli zuccheri raffinati, il latte e i latticini e la carne. Si tratta infatti di cibi altamente acidificanti, estremamente “corrosivi” per il corpo che, a lungo andare, va incontro ad uno stato di demineralizzazione. Il delicato equilibrio acido-base dell’organismo viene compromesso e il corpo reagisce innescando stati infiammatori e secernendo muco in eccesso: da qui la sinusite. Sarebbe opportuno invece preferire cibi ricchi di zolfo e vitamina C che favoriscano naturalmente la fluidificazione del muco, come le crucifere, l’aglio, la cipolla, ma anche semi oleosi, verdura, legumi, frutta e cereali integrali.

 

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

You may also like

Il risveglio dell’Uomo ed il ruolo dell’Amore universale

Il mondo è dominato dai poteri occulti che