La CIA spiava i marziani grazie alla parapsicologia

La CIA spiava i marziani grazie alla parapsicologia

- in Mondo
727
0
Link immagine: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/c3/Eso1509a_-_Mars_planet.jpg (Rappresentazione del pianeta rosso in un ipotetico passato remoto)

Alcuni documenti declassificati della CIA hanno rivelato che negli anni ‘80 l’agenzia statunitense di spionaggio si sia servita della parapsicologia per scoprire il passato del pianeta rosso.

Lo scorso gennaio la CIA ha reso noti oltre 13 milioni di documenti ormai declassificati, fra i quali sono emersi dei file inerenti gli interessi esoterici dell’agenzia, come indagini su degli avvistamenti di UFO e ricerche sull’utilizzo delle percezioni extrasensoriali (ESP). Uno di questi documenti ha rivelato come la CIA, a quanto pare insoddisfatta di spiare soltanto i terrestri dell’era attuale, abbia rivolto la sua attenzione anche su Marte, in particolare sul suo passato più antico, tramite l’esecuzione di una divinazione ad opera di un sensitivo.

L’operazione segreta risale al 22 maggio 1984 e secondo quanto emerso dal documento, il chiaroveggente che avrebbe preso parte all’esperimento avrebbe ricevuto una busta sigillata contenente una scheda che recitava: “Il pianeta Marte. Tempo di interesse approssimativo: 1 milione di anni a.C.”. Al sensitivo però è stato proibito di aprire la busta prima della fine dell’esperimento e gli sono state fornite verbalmente le coordinate geografiche precise delle aree di interesse del pianeta rosso scelte per l’indagine. L’esperimento si basava sull’impiego della remote viewing, la visione remota, ossia la capacità di raccogliere informazioni e “vedere” un oggetto, una persona o un luogo distanti sia nello spazio che nel tempo. Il cosiddetto remote viewer, il cui nome non è però stato reso noto, doveva perciò fornire delle indicazioni dettagliate su alcune aree geografiche del Marte del passato.

La visione remota del primo sito (40. 89° NORD, 9.55° OVEST) indicato dalla CIA ha rivelato delle immagini molto sfumate riguardanti la presenza di una piramide, o comunque, di una forma piramidale color ocra situata in una vasta area di depressione ed una tempesta di sabbia dovuta ad un serio cataclisma geologico. Ulteriori visioni hanno rivelato inoltre strutture dalle enormi dimensioni in un’altra area (46.45° NORD, 3553.22° EST), un canyon dalle ampie pareti scoscese, scolpito in un alcuni punti come a formare delle vere e proprie strutture in pietra perfettamente levigata. Il sensitivo, continuando l’esperimento, in un’altra zona del pianeta rosso (45.86° NORD, 354.1° EST), avrebbe avuto la visione di un’enorme struttura rocciosa posta alla fine di una strada, molto simile al monumento di Washington, il celebre obelisco in marmo alto quasi 170 metri e a tutt’oggi una delle strutture murarie più alte al mondo.

Provando a “sbirciare” all’interno di una delle piramidi marziane, il sensitivo ha rilevato la presenza di varie “camere”, quasi completamente spogliate degli arredi e forse adibite in qualità di dormitori molto funzionali o addirittura come camere di ibernazione. I preistorici abitanti di Marte sono stati inoltre descritti dal remote viewer come alti e magri, ma al contempo imponenti e vestiti con abiti inconsueti.

Ci si domanda quale attendibilità possano avere delle informazioni ottenute tramite un esperimento di remote viewing. Sicuramente non si trattava della prima volta: già nel 1973 Ingo Swann, celebre sensitivo, si era sottoposto ad un test che consisteva nel cercare di visualizzare il pianeta Giove prima che questo venisse raggiunto dalla navicella Pioneer 10 della NASA. Swann fu capace di descrivere Giove nei dettagli e lo disegnò con un anello attorno, informazioni all’epoca sconosciute, tanto che lo stesso sensitivo pensò di essersi sbagliato. In seguito, nel 1979, la successiva missione della NASA rivelò come corretta la visione di Swann. E se fosse così anche in questo caso ed il sensitivo avesse visto una sorta di civiltà “proto-terrestre”?

 

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Hai di fronte un bugiardo? Ecco come smascherarlo!

Grazie al linguaggio del corpo è possibile individuare