Giardini sensoriali per bambini: a cosa servono e come realizzarne uno

Giardini sensoriali per bambini: a cosa servono e come realizzarne uno

- in Bambini
791
0

Un laboratorio a cielo aperto che favorisce la crescita del bambino non solo dal punto di vista motorio, ma anche percettivo: ecco come realizzare un giardino sensoriale

I giardini sensoriali sono dei laboratori “verdi” dove i bimbi possono approcciarsi alla natura in maniera attiva ed in un ambiente totalmente protetto. In tale frangente i più piccoli possono sperimentare diversi elementi, immergendosi in un vero e proprio percorso ricco di stimoli di differente entità.

I 5 sensi sono parte del nostro essere sin dalla nostra nascita e stimolarli è importante, sia con giochi specifici, sia attraverso un approccio più diretto, che coinvolga il bambino a 360°, con una vera e propria full immersion nella natura.  Il giardino di casa oppure il cortile di un asilo o di una scuola, o anche una ludoteca ben si prestano a questo tipo di installazione e renderanno magica l’esperienza dei bambini.

Realizzare un giardino o un sentiero sensoriale in casa è davvero semplice, oltre che divertente. L’idea di base è quella di creare uno spazio protetto in cui i bimbi possano camminare a piedi nudi attraverso un sentiero oppure un percorso prestabilito dove possano incontrare terreni di diversa consistenza come sabbia o ghiaia, e vari elementi naturali come fiori, erba e foglie. Ovviamente tutto deve essere predisposto in modo da non creare situazioni di pericolo per i bambini, lasciandogli soltanto il piacere della scoperta e dell’esplorazione.

Ma come realizzarlo? Un primo utile consiglio è quello di delimitare i bordi del percorso o giardino con dei mattoni ed utilizzarli anche per delimitare le varie sezioni sensoriali. In ciascuna sezione occorre inserire degli elementi naturali differenti come foglie secche, paglia, sabbia, un praticello con erba verde, ciottoli levigati e tutto ciò che la fantasia suggerisce tenendo sempre a mente la sicurezza dei bimbi. È meglio cercare di alternare i vari materiali, in modo da renderlo il più stimolante possibile. Non deve mancare lo spazio da dedicare anche ad un piccolo bacino d’acqua artificiale: è sufficiente una buca con una profondità di pochi centimetri per permettere ai bambini di bagnare i piedini in tutta sicurezza. Si possono mettere a disposizione anche delle attrezzature per poter sperimentare coi vari materiali come secchiello, paletta, innaffiatoio e rastrello.

Il giardino sensoriale inoltre può essere arricchito in modo da stimolare anche udito ed olfatto: i bambini infatti possono sperimentare i rumori differenti che si generano quando si cammina su superfici diverse e possono annusare il profumo dei fiori colorati e delle erbette aromatiche piantate apposta ai margini del percorso. Sarà un’esperienza unica e ricca di emozioni.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Niente cure per un ragazzo paraplegico: Veneto Banca gli ha “bruciato” tutti i risparmi

Il crac della Veneto Banca ha gettato nella