Consultazioni al Quirinale: l’ipotesi del ritorno di Renzi

Consultazioni al Quirinale: l’ipotesi del ritorno di Renzi

- in Politica
327
0

Sono cominciate oggi le consultazioni al Quirinale per individuare una soluzione alla crisi di governo: l’ipotesi Renzi-bis sembra la strada più probabile

Sarà un weekend di frenetica attività al Quirinale: questa mattina sono cominciate le consultazioni da parte del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per trovare una soluzione alla crisi di governo; i vari gruppi parlamentari verranno incontrati fra oggi e domani e, dopo una pausa di riflessione nella giornata di domenica, il capo dello Stato renderà pubblica lunedì la sua decisione. Tuttavia sembra aver già delineato una strada da seguire, quella del Renzi-bis.

Non capita a molti di rassegnare le dimissioni e vedersi quasi implorare per tornare indietro: nonostante la sconfitta nel referendum e la decisione di farsi da parte, l’ex premier sembra destinato a diventare il futuro premier, ovviamente temporaneo finché non verrà approvata una nuova legge elettorale. Una sorta di versione politica dello scaricabarile in cui nessuno sembra volersi assumere le responsabilità dell’attuale situazione.

Renzi, al momento, non pare interessato a voler ricoprire di nuovo l’incarico di presidente del Consiglio, ma per ragioni di immagine più che di coerenza con la decisione presa; il ritorno sui suoi passi alla guida di un governo quanto mai precario danneggerebbe forse in maniera irreparabile la sua immagine, precludendogli qualsiasi ritorno futuro, al quale l’ex premier probabilmente sta già lavorando. Tornare alle camere per ottenere una nuova fiducia sarebbe forse la pietra tombale su ogni sua ambizione politica futura.

Un mese e poco più di tempo: potrebbe essere questa la data di scadenza del governo provvisorio a cui Mattarella vorrebbe dar vita entro il 15 dicembre, se tutto dovesse andare secondo i suoi piani (che vedrebbero Paolo Gentiloni, attualmente ministro degli Esteri, al posto di Renzi se quest’ultimo non dovesse accettare). Il 24 gennaio, infatti, è attesa la sentenza da parte della Corte Costituzionale sull’Italicum, la legge elettorale in attesa di giudizio; se il pronunciamento dovesse essere favorevole, l’Italicum diverrebbe da subito “utilizzabile” e i cittadini italiani avrebbero – finalmente – la possibilità di tornare a votare.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Hai di fronte un bugiardo? Ecco come smascherarlo!

Grazie al linguaggio del corpo è possibile individuare