Il cioccolato che combatte il diabete, un’invenzione tutta italiana

86

Un alimento ideato dall’Università La Sapienza che scongiura i picchi glicemici e protegge dai rischi legati al diabete.

I ricercatori del Dipartimento di Medicina Interna e Scienze Mediche dell’Università La Sapienza di Roma hanno messo a punto un alimento innovativo capace di scongiurare i rischi legati al diabete: un cioccolato arricchito con una sostanza estratta dall’olio d’oliva. Questo dolciume può essere consumato dai diabetici pur contenendo lo zucchero delle tavolette di cioccolata comune mantenendo intatte le caratteristiche proprietà antiossidanti. La ricerca su questa nuova “invenzione” alimentare è stata pubblicata sulla rivista scientifica Clinical Nutrition.

Il potere dell’oleuropeina

La sostanza in aggiunta al cioccolato è l’oleuropeina, polifenolo che si estrae dall’olio d’oliva extravergine, in grado di contrastare i picchi glicemici. Ciò consentirebbe anche ad una persona che soffre di diabete di godere dei benefici antiossidanti del cacao. Per perfezionare questo rivoluzionario alimento sono stati effettuati dei test su 25 pazienti diabetici (tipo 2) e su 20 volontari sani. Ad entrambi i gruppi è stato chiesto di consumare 40 g di crema al cacao e nocciole, per alcuni soggetti normale, per altri arricchita con oleuropeina al 4%.

cioccolato-che-combatte-il-diabete

Secondo le dichiarazioni del coordinatore della ricerca Francesco Violi, professore ordinario di Medicina Interna alla Sapienza, nei diabetici il picco glicemico che si verifica a distanza di due ore dal consumo di cioccolato con oleuropeina è molto ridotto rispetto a quello ottenuto dopo aver mangiato cioccolato normale. La glicemia media registrata dopo 2 ore dal consumo, infatti, è stata di 140 mg/dl per coloro che avevano mangiato la cioccolata tradizionale contro i 125 mg/dl di quanti, invece, avevano preso quella arricchita con oleuropeina.

Un cibo amico del cuore

Grazie a questo cioccolato speciale sarà possibile anche per i diabetici concedersi qualche coccola in più e beneficiare delle preziose proprietà del cacao, fra cui la protezione dalle malattie cardiovascolari. Non solo: l’oleuropeina consente all’organismo di sfruttare al meglio il glucosio. Il professor Violi aveva già individuato in precedenti studi le proprietà di questa sostanza, principale responsabile dell’effetto protettivo dell’olio EVO sul metabolismo. Sono inoltre note le sue attività antiossidanti, antinfiammatorie e immunomodulanti. Presente nelle foglie d’ulivo e nelle olive, l’oleuropeina riduce nei soggetti diabetici gli sbalzi vertiginosi di glucosio nel sangue dopo i pasti; fattori che favoriscono l’insorgenza se non il peggioramento dell’aterosclerosi, che si può tradurre in ictus e infarto.

cioccolato-che-combatte-il-diabete

Il Team di BreakNotizie

 

Leggi anche:

Il semi digiuno come rimedio per rigenerare il pancreas e curare il diabete

Un pane che riduce colesterolo e glicemia: arriva Salus, il pane “funzionale”

Come l’indice glicemico influisce sulla nostra alimentazione