Argento colloidale: i suoi utilizzi più interessanti

Argento colloidale: i suoi utilizzi più interessanti

- in Salute
502
0

L’argento colloidale è un vero toccasana per il nostro organismo, dall’efficacia maggiore rispetto ad un antibiotico.

L’argento colloidale è sicuramente una sostanza dalle proprietà sorprendenti. Si tratta di un liquido formato, per l’appunto, da una serie di particelle d’argento dalle dimensioni molto piccole e dalla carica elettrica molto elevata. Esso costituisce un’alternativa efficace ai classici antibiotici perché non contempla le loro classiche controindicazioni, come ad esempio l’indebolimento delle difese immunitarie, gli sbalzi d’umore, la diffusione di sostanze chimiche e la distruzione della flora batterica. Anzi, l’argento colloidale sorprende proprio perché agevola e velocizza la guarigione di un individuo, mantenendo intatta la flora batterica e rendendo più forte il sistema immunitario. Basterebbe mettere in evidenza questi tre elementi per selezionare tale tecnica a discapito della medicina tradizionale. A tutto questo, bisogna aggiungere la sua capacità di fermare gli enzimi di pericolosi organismi unicellulari, tra i quali virus e batteri che non possono proliferarsi.

argento-colloidale-1200x565

Forse non tutti sanno che l’argento colloidale rappresenta un rimedio medico tra i più antichi in assoluto. Le sue origini risalirebbero addirittura all’antica Grecia e Roma. Fin da quei tempi, si sono notate le sue capacità di ridurre le infezioni al minimo. L’argento presente nel nostro organismo può risultare perfetto per far diminuire il rischio di malattie. Fino alla metà del ventesimo secolo, questo minerale era un’ottima cura contro virus, batteri, funghi e parassiti, prima di essere sostituito dai comuni antibiotici, considerati molto meno costosi soprattutto nella loro produzione. Inoltre, l’argento colloidale non presenta alcun tipo di effetto collaterale, così come dimostrato da varie sperimentazioni mediche. Nemmeno l’argiria, ossia un’improvvisa colorazione grigia della pelle e delle mucose, rappresenta un problema. Eppure, diversi dottori avevano attribuito tale fenomeno proprio a questo tipo di argento.

Chi ha intenzione di assumere l’argento colloidale può farlo per diversi fini. Ad esempio, si possono effettuare gargarismi a base di argento per il cavo orale, o magari versare gocce di argento sulla pelle, o ancora utilizzarlo a mo’ di collirio per la cura dell’occhio. Le opportunità per conoscere questo prodotto non mancano, anche se va sempre assunto lontano dai pasti ad eccezione delle infezioni intestinali. Per mantenere la sua massima efficacia, l’argento colloidale non va mai lasciato sotto il sole, inserito nel frigorifero o nel freezer. In caso di donne in gravidanza o di allergie, bisogna chiedere consiglio ad un medico.

Non bisogna lasciare in secondo piano neanche la capacità di questo elemento di funzionare al meglio come deodorante, dopobarba e persino antiforfora. In generale, i suoi benefici iniziano a farsi sentire ad una settimana dalla sua somministrazione. Tali caratteristiche lo rendono l’unico antibiotico innocuo per esseri umani o animali, anche grazie all’opportunità di impedire che i globuli rossi perdano ossigeno a vantaggio dei vari parassiti. Bastano in media solo sei minuti per debellare tutti i germi che infestano il nostro organismo.

 

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

You may also like

Il risveglio dell’Uomo ed il ruolo dell’Amore universale

Il mondo è dominato dai poteri occulti che