Anno nuovo, rincari nuovi: in arrivo ennesima stangata sulle bollette per gli italiani

Anno nuovo, rincari nuovi: in arrivo ennesima stangata sulle bollette per gli italiani

- in Economia, Italia
718
0
rincari-bolletta

Il 2018 inizia a suon di rincari per le famiglie italiane: bollette di gas e luce più care del 5 e del 5,3%, ma anche trasporti, assicurazioni e servizi bancari.

Brutta sorpresa sotto l’albero per le famiglie italiane: da gennaio 2018 sono previsti nuovi rincari per quanto concerne luce e gas, rispettivamente del 5,3% e del 5%. Questo è quanto comunicato dall’Autorità per l’energia, secondo la quale l’incremento dei prezzi dell’energia elettrica sarebbero dovuti all’aumento dei prezzi all’ingrosso e alle spese per sicurezza ed adeguatezza, mentre quello del gas dipenderebbe dall’aumento delle quotazioni del prodotto nei mercati all’ingrosso e alla maggiore domanda dovuta ai mesi invernali. Gli aumenti non riguarderanno soltanto luce e gas ma anche i trasporti, le assicurazioni e i servizi bancari, Tari e di conseguenza anche i beni di consumo come alimenti, prodotti per la casa e per la scuola.

Il peso dei rincari sulle famiglie italiane

Le bollette della luce aumenteranno per ben 22 milioni di famiglie per via del processo di riforma delle tariffe che tende a penalizzare gli utenti con consumi minori, soprattutto i residenti. Nulla di nuovo, dunque, rispetto al 2017, solamente l’ennesima stangata di tariffe e prezzi che, secondo i dati forniti dall’associazione per i consumatori Adusbef, raggiungerà per una famiglia media una quota annuale media di 952 euro. Non saranno soltanto le famiglie a risentire di questo salasso, ma anche le imprese, in particolare quelle piccole.

luce-e-gas

L’analisi dell’Adusbef

Secondo l’associazione la situazione degli aumenti di questo nuovo anno è aggravata non soltanto dalla crescita dei costi energetici ma anche da diversi fenomeni speculativi figli di inefficienze del sistema, con forti aumenti nei costi per le assicurazioni e per i servizi bancari. Incrementi che risultano insostenibili per molti nuclei familiari, per tale motivo sarebbe opportuna un’azione da parte del Governo per monitorare e contrastare gli aumenti ingiustificati, mettendo un limite ad aumenti surrettizi di pochi euro dovuti principalmente alla certezza dell’impunità considerata l’assenza di una class action che possa fare da deterrente contro i cosiddetti “predatori”. Questa azione a tutela dei consumatori era stata approvata all’unanimità il 3 giugno del 2014 all’unanimità ma venne bloccata dal Senato per espresso veto di banche e Confindustria.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ancora aumenti nella bolletta della luce dal 2019 grazie a una tassa nascosta

A gravare sugli utenti onesti dal prossimo anno