5 motivi per cui scrivere a mano è meglio

5 motivi per cui scrivere a mano è meglio

- in Lifestyle
317
0

Oggi le persone stanno perdendo la buona abitudine di scrivere a mano, preferendo la tastiera del pc e gli altri supporti elettronici. Eppure vi sono almeno 5 motivi per cui usare carta e penna è meglio: vediamoli insieme.

In un’era in cui pc, tablet e smartphone la fanno da padrone vi sono alcune azioni che sono parte del vissuto quotidiano che via via si vanno perdendo, fra cui lo scrivere a mano. La tecnologia è indubbiamente comoda, semplifica la vita e ci permette di ottimizzare i tempi in molti campi però talvolta ci fa anche perdere i risvolti positivi della vita “analogica”. Oggigiorno infatti sono poche le persone che continuano a servirsi di carta e penna per scrivere, un vero peccato se si tiene conto degli effetti positivi che questa consuetudine in estinzione ha sul nostro cervello. Vediamo insieme i 6 vantaggi dello scrivere a mano.

1. Favorisce lo sviluppo cerebrale. Secondo un report pubblicato sulla rivista Psychology Today la scrittura a mano consente al cervello di sviluppare una specializzazione funzionale che unisce pensiero, controllo del movimento e sensazioni. Per scrivere in modo che l’ortografia sia leggibile è necessario un controllo ben calibrato delle dita, prestando al contempo attenzione a come e cosa si sta facendo. Per fare ciò occorre utilizzare una serie di aree cerebrali che invece non si attivano se si utilizza la tastiera.

2. Migliora l’apprendimento. In base a diverse ricerche, scrivere a mano migliora la comprensione ed aiuta a fissare in maniera efficace i concetti. Prendere appunti a mano, e quindi più lentamente rispetto alla telescrittura, accelera i processi di apprendimento. Ciò è possibile poiché la scrittura a mano non permette, per semplici questioni di tempo, di appuntare ogni singola parola di un discorso sul foglio pertanto il cervello è costretto a ragionare per poter trascrivere in maniera sensata i concetti importanti e le parole chiave, riassumendoli e rielaborandoli, se necessario, a parole proprie. In questo modo, facendole proprie, sarà anche più facile ricordare le nozioni nel lungo termine.

3. Aiuta le persone con problemi di dislessia. La scrittura a mano è una pratica terapeutica per gli studenti dislessici. Dal momento che tutte le lettere vanno scritte partendo da una linea di base e che la penna si muove in maniera fluida da sinistra a destra (nel nostro sistema di scrittura) risulta molto più facile per chi ha difficoltà a formare le parole in maniera corretta scrivere utilizzando carta e penna piuttosto che comporre una parola digitando dei tasti.

4. Aiuta a mantenere i propri impegni. Scrivere a mano una lista di cose da fare aiuta a perseguire i propri obbiettivi più velocemente. Questo perché la scrittura altro non è che la concretizzazione dei nostri pensieri: aiuta le persone ad incanalare la propria volontà e a guidare in maniera conscia le proprie azioni, le emozioni ed i pensieri.

5. Aiuta a calmarsi. Come sostengono molti intellettuali, scrivere è una forma di terapia. Mettere nero su bianco una frase motivante o calmante varie volte al giorno può realmente aiutare a rilassare i nervi. Inoltre può essere un’utilissima valvola di sfogo quando si è arrabbiati, confusi o tristi: buttando giù tutte le nostre emozioni ci “liberiamo” della negatività che abbiamo dentro e la lasciamo libera di scorrere… in punta di penna.

6. Aiuta ad apprezzare le cose belle. Utilizzare la tastiera fa perdere molto del fascino che si nasconde dietro la scrittura di una persona e la sua identità. Ricordate le vecchie lettere scritte a mano? Quante cose si potevano intuire fra quelle righe, quanta bellezza ed autenticità. Nulla a che vedere con i font tutti uguali ed asettici di un computer, no?

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

L’anima sceglie sempre la famiglia nella quale nascere: ecco perché

Lo scopo primario dell’anima sarebbe quello di evolversi,