Zurigo, scoperto, per la prima volta, come controllare i geni con la forza del pensiero

Zurigo, scoperto, per la prima volta, come controllare i geni con la forza del pensiero

- in Scienza, Spiritualità
489
0

Solo 2 mesi dopo che Per la prima volta è stata realizzata COMUNICAZIONE TELEPATICA da cervello a cervello 

Adesso esce la notizia che per prima volta si è riuscito a controllare i geni con il pensiero.

Quasi ogni giorno escono le notizie che parlano di nuove scoperte scientifiche che sempre di più confermano le tesi spirituali.

Noi già sapevamo che i geni si modificano usando certi pensieri e le parole.

Lo ha provato anche fisica quantistica.
Ma adesso per prima volta e fatta tecnologia per farlo in modo disponibile a tutti.

Non dimentichiamo che ogni tecnologia solo sta immitando la natura e si usa come una stampella dagli esseri umani che non riescono ( o non vogliono) in modo INDIPENDENTE accedere a certe capacità.
Essere indipendenti o dipendenti dalla tecnologia è una decisione che ognuno prenderà da solo.

Tanja

 

Zurigo. Per la prima volta sono stati controllati dei geni col pensiero. L’uomo che sfrutta solo il 10% del suo cervello è una credenza con un fondo di verità che da secoli, oramai, è alla base di forti dibattiti. Ma da oggi la storia sembra essere ad una svolta.

Sembra uno scenario da film di fantascienza e invece potrebbe essere realtà: gli esseri umani potrebbero essere in grado di controllare attraverso la mente le proprie funzioni biologiche, attivando geni con la sola forza del pensiero

Ad affermarlo e a crearne i presupposti è un team di ricercatori del Politecnico federale di Zurigo (Eth) in uno studio pubblicato su ‘Nature Communication’.

 

 

50018-geni-controllati-con-il-pensiero

Mente e biologia sintetica collegate

Gli studiosi hanno stabilito una connessione tra pensieri e cellule, consentendo per la prima volta alle persone di “accendere” i geni dei topi, usando solo il proprio cervello.
“E’ la prima volta che qualcuno ha collegato la biologia sintetica e la mente”, ha spiegato Martin Fussenegger, bioingegnere a capo della ricerca.
Gli sviluppi possibili di questa straordinaria possibilità sono molteplici, primo fra tutti  quello di aiutare le persone che non sono in grado di muoversi, parlare e agire autonomamente, compiendo azioni indispensabili per la propria vita quali prendere un farmaco.
Anche chi soffre di epilessia potrebbe trarne sicuri benefici nel controllo delle convulsioni.

L’esperimento

Si è arrivati a questa incredibile scoperta inserendo un gene sensibile alla luce dentro cellule renali umane su un disco. Si è poi attivato il gene quando esposto alla luce infrarossa, programmando le cellule in modo tale che una volta attivato si inneschino una serie di reazioni chimiche a cascata fino all’espressione di un altro gene. Gli studiosi hanno messo poi le cellule in un impianto di piccolissime dimensioni, inserito sottopelle a un topo, accanto a un Led a infrarossi controllabile in wireless. Una membrana semipermeabile ha permesso quindi ai nutrienti vitali del sangue degli animali di raggiungere l’interno delle cellule. Dopo aver predisposto il topo al test, i ricercatori hanno fatto indossare a otto persone dispositivi EEG per controllare le onde cerebrali.

Si è chiesto quindi ai volontari di evocare diversi stati mentali, riconosciuti dal dispositivo in base a diverse onde cerebrali. I partecipanti hanno appreso tecniche specifiche di meditazione per la produzione di un modello di “rilassamento” delle onde cerebrali, e hanno giocato al computer e hanno usato una tecnica nota come biofeedback, in cui hanno imparato per tentativi a controllare la propria mente allo scopo di accendere una serie di luci su un computer.

Una volta collegati all’impianto wireless del topo, i volontari sono stati in grado di accendere il led utilizzando uno dei tre stati mentali. Una reazione a catena, che ha portato all’attivazione del gene sensibile alla luce nelle cellule renali che, a sua volta, ha portato all’attivazione del gene bersaglio. Il risultato è la produzione di una proteina umana, passata attraverso la membrana dell’impianto e nel sangue del topo, dove è stata rinvenuta.

 

L’obiettivo futuro è quello di riuscire a realizzare impianti controllati dal pensiero che aiutino a trattare malattie neurologiche. “Fino ad oggi- commenta il genetista e presidente dell’università di Roma Tor Vergata, Giuseppe Novelli- i geni potevano essere accesi solo chimicamente e serviva molto tempo. Ma nel cervello, dove le comunicazioni vanno alla velocità di millisecondi, serve altro e la luce è l’unica cosa che viaggia velocissima. Qui la luce viene usata per attivare sensori che così rispondono subito. Un grande risultato”.

http://www.datamanager.it/2014/11/cervello-in-futuro-si-potranno-controllare-i-geni-forza-pensiero/

 

Fonte: http://risvegliodiunadea.altervista.org/

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Colori da maschi e da femmine: il cromatismo di genere

Sia gli uomini che le donne amano soprattutto