WhatsApp con 30 mln di messaggi sorpassa gli sms, presto le telefonate!

WhatsApp con 30 mln di messaggi sorpassa gli sms, presto le telefonate!

- in Tecnologia
595
0

Numeri sempre più da record per WhatsApp: l’applicazione dedicata alla messaggistica ribadisce la sua leadership fra questo tipo di app, potendo contare su più di 700 milioni di accounts. Nell’arco di una singola giornata vengono inviati in media circa 30 miliardi di messaggini, solo dieci miliardi in meno rispetto agli sms tradizionali. Secondo gli esperti del settore, il 2015 sarà l’anno in cui avverrà il sorpasso: uno studio svolto dall’Economist ha infatti prospettato che già entro il primo trimestre verranno inviati più messaggi tramite WhatsApp che attraverso la messaggistica tradizionale (e fin qui più adoperata).

 

whatsapp-telefonate-e-chiamate-gratis-come-fare-e-funzionano-quanto-consumano-uscita-per-iphone-nokia-lumia-blackberry-android

Non resta che aspettare qualche giorno, dunque, per avere conferma di un risultato eccezionale, ma non l’unico di questa primavera ricca di soddisfazioni per WhatsApp. Dopo aver aperto alle chiamate Voip sui sistemi Android (attraverso un meccanismo ad inviti), presto sarà possibile telefonare tramite l’applicazione anche sui sistemi iOS, e dunque con gli iPhone. A rivelarlo è stato uno dei cofondatori della chat, Brian Acton, che ha annunciato a San Francisco che fra meno di due settimane si potranno effettuare telefonate via WhatsApp anche con gli smartphone che portano il logo della “mela morsicata“. Dopo aver conquistato la leadership dei messaggi, dunque, WhatsApp dà l’assalto alle telefonate.

Lo scorso anno l’app è stata acquistata da Facebook per una cifra di poco inferiore a 19 miliardi di dollari e in molti pensavano che WhatsApp sarebbe stata aperta agli sviluppatori come accaduto con Messenger. Acton ha smentito fermamente questa indiscrezione, dichiarando che WhatsApp non aprirà agli sviluppatori per evitare che i suoi utenti si ritrovino sommersi da messaggi indesiderati.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di