Viaggi: visitare Miami

444

Miami era scherzosamente definita “la sala d’attesa di Dio” per via dell’incredibile numero di anziani che vi si erano trasferiti attratti da un clima di eterna primavera e per la sua amenità, ma oggi la movida dei giovani ha rivoluzionato questo concetto.
A Miami oltre sfruttare l’ottimo clima, cosa c’è da vedere di imperdibile?

Bisogna cominciare col conoscere il quartiere più elegante della città: Coconut Grove che fu il primo luogo dove nel 1830, si fondò Miami. E’ in questo distretto che si sviluppa il vero fulcro della metropoli e dove vivono i VIP che lo hanno scelto essendo una concentrazione di lussuose ville che si protendono sull’oceano. Un mix di architetture che vanno dalla europea alla caraibica che incominciano a Charlese Avenue. Punto nevralgico dello shopping è Coco Walk, il centro commerciale dal sapore messicano costruito su molti livelli e che offre delle terrazze panoramiche dove sorsare un drink. Interessante risulta essere l’area pedonale di Mayfair Mall dove si tengono spesso, eventi culturali.

A South Beach, parallela a Ocean Drive, si trova l’Art Deco District la cui peculiarità è data dalle costruzioni in stile anni venti fino ai quaranta che rispecchiano precisamente l’architettura decò in voga a quei tempi. Qui l’aria dei Caraibi si respira in ogni angolo e riconduce all’allegria tipica dei tropici che è evidenziata da edifici coloratissimi che non passano certo inosservati e soggetto preferito di fotografi che vogliono immortalare delle particolari scenografie piene di atmosfere.

Altro distretto particolare è quello di Wynwood, noto per via dell’Art Walk che ospita. Una ridda di gallerie d’arte, locali, bar alla moda dove si incontra l’anima culturale di Miami. L’atmosfera rilassata, consente di godere di sapori ricchi di stimoli che attirano la meglio gioventù. Presente anche l’arte di strada con murales artistici che spazzano via l’anonimato delle strade che divengono dei vernissage all’aria aperta. Non è un distretto turistico e questo equivale all’invito alla prudenza che però sarà ben ricompensato.

Di fronte alla downtown si trova il Bayfront Park, ideale soprattutto per famiglie con bambini che qui troveranno attrazioni e giochi a loro dedicati. Molti i ristoranti e i ritrovi che si trovano nel verde di questo parco dove ci si può stendere per rilassarsi o noleggiare una bicicletta per girarlo senza fatica.
Gli amanti del mare possono far riferimento a ben 35 miglia di spiaggia che parte da South Beach per arrivare fino a Sunny Isles dove è possibile rilassarsi pigramente al sole oppure dedicarsi ad attività sportive.


Non si può perdere Downtown, il distretto che si dipana dalla commerciale Flager Street e che ospita il museo d’arte contemporanea Museus of fine Arts, ubicato dentro il Metro Dade Center. Per avere una visione d’insieme suggeriamo di prendere la Metromover che è una metropolitana che attraversa tutto il centro della città ma che è in effetti un trenino sopraelevato dal quale si gode il panorama.
Oltre Miami, consigliamo di fare una escursione alle Keys, che si trovano nella parte più a sud della Florida a una ottantina di chilometri da Cuba, di cui la più celebre è Key West per essere stata sede di un buen retiro di Hemingway.

Il team di BreakNotizie