Vele di Scampia: è stata decisa la demolizione

Vele di Scampia: è stata decisa la demolizione

- in Italia
1029
0
Fonte immagine: http://www.dailynews24.it/il-sindaco-de-magistris-in-estate-giu-le-vele-di-scampia/

Dopo anni di attesa, è stato trovato l’accordo per la demolizione delle Vele di Scampia, diventate nel tempo simbolo di degrado. L’area verrà riqualificata

È stato finalmente raggiunto l’accordo fra governo e comuni per la riqualificazione delle aree periferiche italiane, con numerosi progetti che riguarderanno l’intera penisola da nord a sud. Fra gli interventi messi in programma è prevista anche la demolizione delle Vele di Scampia, palazzoni in cemento diventati col tempo il simbolo del degrado delle periferie italiane e del deturpamento del paesaggio provocato dalle costruzioni selvagge.

Verranno demoliti tre dei quattro complessi di abitazioni – le Vele A, C e D – mentre il palazzo B sarà riqualificato e destinato ad un altro utilizzo. Nate per dare un alloggio a numerose famiglie, in breve tempo le Vele di Scampia si erano trasformate in un’area vasta controllata dalla criminalità organizzata e famosa in particolare per l’attività di spaccio. La riqualificazione della zona dopo la demolizione prevede ampio spazio per il verde urbano e per i servizi ai cittadini. 00f6e6919c02ddd11595707fe3e15957-kwII-U11001626060511iQB-1024x576@LaStampa.it

I progetti che coinvolgeranno le periferie italiane sono numerosi, 24 quelli che partiranno immediatamente e per i quali verranno subito messi a disposizione 500 milioni di euro. Gli interventi previsti sono oltre 600 e riguarderanno 4 aree metropolitane e 20 città e , secondo le stime, dovrebbero creare circa 12 mila nuovi posti di lavoro. Al netto delle lungaggini che caratterizzano questo tipo di operazioni in Italia, i lavori dovrebbero concludersi in un arco di tempo di 38 mesi.

Oltre ai 24 progetti in procinto di partire, altri 96 verranno finanziati in un secondo momento. Nello specifico, gli interventi che coinvolgeranno le Vele sono stati denominati “Restart Scampia” e trasformeranno il quartiere in una cittadella di servizi per tutti i comuni situati nella zona nord dell’area metropolitana. Il costo delle demolizioni ammonta a 27 milioni di euro e l’inizio dei lavori, come annunciato dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris, è previsto fra la fine di giugno e i primi giorni di luglio.

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Telefonini e smartphone: è pericoloso averli a “contatto”?

La recente sentenza del Tribunale di Ivrea ha