Vaccini obbligatori ai bambini per entrare a scuola. Ecco i pericoli!

87

Sono sempre più genitori che decidono di non vaccinare i loro bambini sulla base dei rischi reali e sulla loro effettiva utilità, tanto che sembra proprio che i danni superano i benefici. Ebbene le regioni hanno deciso di introdurre l’obbligo dei vaccini per i bambini che frequentano le scuole e ora spetta al governo italiano l’approvazione.

I rischi sono tanti e il governo non ha risposta alla lettera dei medici che chiedono chiarezza sui pericoli dei vaccini e sulla presenza in essi di sostanze neurotossiche come metalli pesanti, DNA di feti abortiti, sostanze inorganiche e nanoparticelle.

Dall’anno prossimo i bambini non vaccinati potrebbero vedersi negata l’iscrizione a scuola. Questa decisione è arrivata giovedì dalla Conferenza delle Regioni che ha dato il via libera al Piano nazionale della prevenzione vaccinale 2016-2018 che impedisce l’accesso alle scuole ai bambini che non sono in regola con le vaccinazioni obbligatorie. Adesso sarà avviato un tavolo con il Governo per discutere dei fondi necessari, circa 300 milioni di euro, per metterlo in pratica.

QUALI SONO I VACCINI OBBLIGATORI?

Secondo la legge italiana, le vaccinazioni obbligatorie sono quella per la difterite, per la poliomielite, il tetano e l’epatite B. A queste quattro, si affiancano quelle che il ministero della Salute definiscevaccinazioni raccomandate: pertosse e Hemophilus influenzae tipo B (contenute entrambe insieme a quelle obbligatorie nel famoso esavalente), morbillo, rosolia, parotite, meningococco C, pneumococco, influenza e papillomavirus.

LA MOTIVAZIONE UFFICIALE

La notizia dei dati sul crollo delle vaccinazioni infantili rilasciati dal ministero della Salute hanno fatto pressione alle case farmaceutiche, business di miliardi euro ogni anno, che hanno influenza sulle decisioni che vengono prese dal governo.

La motivazione ufficiale è che i livelli di copertura necessari per prevenire la diffusione delle malattie per cui è prevista la vaccinazione obbligatoria devono essere superiori al 95% della popolazione.

SANZIONI AI MEDICI CHE SCONSIGLIANO I VACCINI

Inoltre Piano nazionale approvato ieri dalla conferenza delle Regioni prevede delle sanzioni disciplinari e contrattuali ai medici che sconsigliano i vaccini ai genitori. Infatti nel documento si afferma che: «Ogni operatore sanitario, e a maggior ragione chi svolge a qualsiasi titolo incarichi per conto del Servizio Sanitario Nazionale, èeticamente obbligato ad informare, consigliare e promuovere le vaccinazioni in accordo alle più aggiornate evidenze scientifiche e alle strategie condivise a livello nazionale. La diffusione di informazioni non basate su prove scientifiche da parte di operatori sanitari è moralmente deprecabile, costituisce grave infrazione alla deontologia professionale oltreché essere contrattualmente e legalmente perseguibile».

QUALI SONO I PERICOLI

  • Il Dott. Stefano Montanari ha trovato che in tutti i vaccini analizzati erano contaminati da particelle solide, inorganiche, non biodegradabili e non biocompatibili che non ci dovrebbero essere. E commenta: «E allora è questione di fortuna o di sfortuna, perché, a seconda di dove le microparticelle si depositano, poiché non sono né biodegradabili né biocompatibili, possono provocareconseguenze da non sottovalutare. Se, ad esempio, finiscono nel cervello, possono provocare malattie quali l’autismo».
  • Almeno 24 vaccini sono prodotti usando cellule provenienti da feti abortivi e/o contenenti DNA, proteine, o frammenti cellulari di colture di cellule coltivate derivate da feti umani abortivi. E’ stato collegato a danni cerebrali e autismo;
  • Nei vaccini c’è il thimerosal, un conservante a base di mercurio, che numerose evidenze scientifiche dimostrano essere collegato a processi neurodegenerativi cerebrali;
  • Solo in Italia, nel 2007-2008 il vaccino contro il papilloma virus ha causato, secondo le segnalazioni (quindi sono molte di più quelle effettive) 5.300 reazioni avverse anche gravi;
  • Il Dottor Roberto Gava, farmacologo, tossicologo e cardiologo, ha al suo attivo un centinaio di pubblicazioni scientifiche, e ha pubblicato un articolo in cui ha elencato in 12 motivazioni la causa della pericolosità dei vaccini. Il suo libro Le Vaccinazioni Pediatriche, Revisione delle conoscenze scientifiche è addirittura un best-seller nel settore e spiega chiaramente il problema dei vaccini;
  • Ci sono molte ricerche scientifiche che condannano i vaccini;
  • Se i vaccini sono davvero sicuri e non c’è un interesse economico, allora perché ci sono premi in denaro ai medici che fanno più vaccinazioni?
  • C’è un sito ben fatto e documentato che invito a visitare perché mostra tutte leevidenze tra i vaccini e l’autismo.

La lista delle evidenze sui pericoli dei vaccini sono molte. Il problema reale, che uno capisce documentandosi, è che i vaccini contengono sostanze che sono chiaramente nocive per il corpo, che causano più danni dei benefici che apportano. Conosco in prima persona tanti bambini non vaccinati e sono forti e hanno un sistema immunitario forte, perché si è sviluppato naturalmente e non è stato affossato da metalli pesanti che causano danni per tutta la vita. E statisticamente quelli vaccinati si ammalano di più. Afferma bene Jim Carrey, la cui compagna ha un figlio autistico a causa dei vaccini, che bisogna togliere queste tossine e allora vengano pure fatti i vaccini, e che vengano fatti quando sono più maturi e il loro sistema immunitario è più in grado di reggerli, dato che è altamente improbabile, come afferma il Dott. Gava, che i bambini piccoli contraggano le malattie per cui si vaccinano.

La paura è il miglior modo per controllare la popolazione, con la paura sei spinto a fare cose che sono chiaramente irrazionali in cambio di sicurezza. Nella vita i compromessi spesso non funzionano e purtroppo questa sicurezza non è reale perché i danni sono tanti.

 

 

 

 

http://www.dionidream.com/vaccini-obbligatori-ai-bambini-scuola-pericoli/