USA, Barbara Mellone: conciliare ricerca e famiglia si può

USA, Barbara Mellone: conciliare ricerca e famiglia si può

- in Donna
684
0

Per tutti coloro che pensano che essere un ricercatore ed avere una famiglia siano due cose decisamente inconciliabili sarà interessante sapere che negli Stati Uniti è possibile fare ricerca e crescere serenamente i propri bambini. A raccontare la sua storia è Barbara Mellone, una biologa quarantunenne di Milano che, al momento, è professoressa associata presso l’Università del Connecticut a cui è approdata dopo aver vissuto prima in Scozia e poi a Berkeley.

Secondo la Mellone, in Italia non sarebbe mai riuscita a realizzare il suo sogno di diventare capo di laboratorio. Ma dove è nata la sua passione per la ricerca? Stando a quanto dichiarato dalla biologa, l’avvicinamento al mondo scientifico è avvenuto durante il percorso accademico a Milano in occasione del quale ha conosciuto alcune insegnanti che le hanno fatto capire che raggiungere il successo sarebbe stato possibile.

Ovviamente, nella carriera di Barbara non sono mancati numerosi sacrifici e la strada che l’ha condotta negli USA è stata piuttosto lunga e complessa. Dopo aver conseguito la laurea, infatti, la Mellone ha capito che per la sua carriera sarebbe stata decisamente molto utile un’esperienza all’estero e, per tale ragione, ha deciso di prendere contatti con l’Università di Edimburgo.

Senza alcun dubbio, gli ostacoli più difficili per Barbara sono stati la lingua, il clima e, soprattutto, lo stile di vita. In ogni caso, la passione per la ricerca è stata talmente tanto grande da tenere legata la Mellone alla Scozia per tutti gli anni del dottorato. Proprio in Scozia, poi, la ricercatrice ha conosciuto l’uomo che, poco dopo, sarebbe diventato suo marito.

Grazie ad alcune conoscenze, Barbara si è poi trasferita a Berkeley ed ha continuato la sua brillante carriera. In tale periodo, Barbara ha dato anche alla luce due bellissime bambine e, nonostante l’impegno di mamma, è riuscita a dare il meglio di sé anche a livello lavorativo grazie soprattutto all’aiuto di suo marito che ha deciso di smettere di lavorare ed occuparsi della casa e delle bambine.

Barbara, però, non avendo alcuna intenzione di arrestare la sua ascesa verso il successo, ha deciso addirittura di accettare un’offerta di lavoro proveniente dall’Università del Connecticut presso la quale ricopre il ruolo di insegnante.

La Mellone, dunque, può definirsi a tutti gli effetti una donna realizzata che è riuscita a dare prova del fatto che gli stereotipi sono solo un cliché e che riuscire a conciliare lavoro e famiglia è possibile. Ovviamente, la scelta del marito di Barbara è stata fondamentale nel suo percorso accademico. In caso contrario, infatti, la biologa sarebbe stata costretta a dedicare molto più tempo alle sue bambine. Quella del marito di Barbara, però, è una scelta molto comune in America che, avendo un modello totalmente differente rispetto a quello europeo, riesce a contemplare senza troppe ritrosie il fatto che un uomo si occupi della casa ed una donna si dedichi alla carriera. Ma quando sarà possibile raggiungere un tale livello di maturità sociale anche nella nostra Italia ancora decisamente troppo bigotta? Senza alcun dubbio, in Italia, per il momento, ad avere la peggio sono proprio le donne che, essendo costrette a fare fronte, talvolta da sole, alle incombenze della famiglia, si trovano a scegliere se dedicarsi alla carriera o pensare ai figli ed alla casa.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di