Suv di lusso e minicar: arrivano i cloni cinesi che costano la metà

Suv di lusso e minicar: arrivano i cloni cinesi che costano la metà

- in Motori
3428
0

Nuovo affronto della Cina al mercato automobilistico europeo: automobili copiate e prezzi dimezzati.


È recente la notizia che la Cina sta nuovamente tentando di lanciare sul mercato automobili le cui linee estetiche sono state palesemente copiate dai modelli europei. Non abbandonando la logica particolarmente fruttuosa del contenimento dei prezzi, dunque, i cinesi hanno deciso di copiare le linee estetiche dei modelli di automobili presenti sul mercato europeo scatenando non poche polemiche oltre che numerose azioni legali ad opera delle case automobilistiche che hanno subito tale oltraggio.
Fiat 500L, Mercedes Classe G, Range Rover Evoque: sono questi solo alcuni dei modelli di automobili che le case di produzione cinesi hanno deciso di copiare per dare forma ad un mercato automobilistico che, seppur di bassa qualità dal punto di vista tecnologico, rischia di compromettere l’intero settore a causa dei prezzi estremamente competitivi con cui si presenta ai propri acquirenti.
L’interesse delle case automobilistiche cinesi, dunque, non è rivolto solo alle utilitarie ma anche a suv di lusso e, addirittura, alle minicar. Dopo il tentativo di plagio della Range Rover Evoque, infatti, i cinesi si sono cimentati anche in una clonazione del tutto “grossolana” della BMW i3.
Ai cinesi, pertanto, poco importa se, oltre alle linee estetiche accattivanti, vi è una motorizzazione non del tutto equivalente all’aspetto estetico dell’automobile o se, addirittura, gli standard di sicurezza sono decisamente al di sotto di quelli europei. Ciò che importa, piuttosto, è rendere il mercato automobilistico made in Cina competitivo sia dal punto di vista estetico che, soprattutto, sotto il profilo economico.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di