Il modo in cui digiti e tieni lo smartphone dice tutto della tua personalità

528
smartphone-e-psicologia

Avete mai fatto caso al modo in cui digitate sulla tastiera dello smartphone e come lo tenete? Secondo una recente ricerca esistono quattro modi diversi di digitare sul display che corrispondono ad altrettanti profili psicologici. Scoprite il vostro.

Le teorie su come la gestualità sia collegata alla personalità di ogni essere umano si sprecano. C’è chi ne ha ideate mettendo in relazione il carattere e il modo in cui si stringono i pugni, ma c’è anche chi è convinto che toccarsi i capelli in una o in quell’altra maniera dica di noi più di quanto non possa fare il nostro sguardo. Nessuno avrebbe mai potuto pensare, però, che il modo in cui digitiamo pensieri e parole sulla tastiera dello smartphone possa svelare alcuni degli aspetti che compongono la complessa personalità di un individuo. Si tratta di uno studio recente e per certi versi avveniristico, che rivela l’esistenza di quattro profili psicologici completamente diversi dal punto di vista comportamentale e caratteriale.

Come digiti sul tuo cellulare?

Il profilo A

Rientrano nella prima categoria, quella del profilo A, coloro i quali tengono il telefono in una mano sola, utilizzando il pollice per scrivere. Si tratta di persone pratiche e dinamiche, sempre indaffarate e multitasking. Sfruttare una sola mano, infatti, significa essere in grado di fare altre cose mentre si comunica tramite WhatsApp o si scorre la home di Facebook, senza alienarsi completamente. Quelle che rispondono al profilo A, inoltre, sono persone decise e determinate, che sanno cosa vogliono e fanno di tutto per prenderselo o per ottenerlo. Sorridono sempre, sono socievoli e sono amati, se non da tutti, quasi.

smartphone-e-psicologia

Il profilo B

Sono classificabili come appartenenti al profilo B, invece, i soggetti che scrivono sulla tastiera con una mano sola, ma che tengono lo smarthone col pollice dell’altra. Persone sempre indaffarate e protettive, dettaglio che si denota, appunto, dall’inconscia propensione a proteggere il telefono da possibili cadute. I soggetti in questione sono, peraltro, diffidenti di natura, tanto da innalzare delle barriere così alte che in pochi riescono a penetrarle. Il fatto che tengano alla larga il prossimo significa che hanno chiaramente paura di soffrire, probabilmente perché ancora scottati da delusioni pregresse che hanno influenzato il loro carattere.

smartphone-e-psicologia

Il profilo C

Il profilo C riguarda, ancora, tutte quelle persone che utilizzano entrambe le mani per digitare sul display del proprio smartphone. Sono le persone più complesse analizzate nell’ambito di questo curioso studio, poiché talmente insicure da essere perennemente alla ricerca di un equilibrio. Da qui la necessità di sincronizzare alla perfezione mani e dita, come a voler dimostrare a se stessi di poter tenere tutto sotto controllo. Eppure è solo apparenza, perché gli individui che fanno parte di questa categoria sono soli e si sentono fuori posto e inadeguati.

smartphone-e-psicologia

Il profilo D

Chi appoggia il telefono nel palmo di una mano, ma usa il dito indice dell’altra per digitare, allora ha un profilo psicologico di tipo D. Si tratta di persone fortemente appassionate di tecnologia e affini, che hanno dimestichezza con gli smartphone di ultima generazione. Dal punto di vista caratteriale, sono soggetti buoni e sensibili con una personalità oggettivamente eclettica. Persone che osservano con curiosità e stupore qualunque cosa li circondi e che stanno ben attente a non far soffrire mai i propri cari.

smartphone-e-psicologia

Il Team di BreakNotizie

Leggi anche:

L’influenza dei colori sulla nostra psiche

Lenti e gobbi: ecco come ci sta cambiando lo smartphone