Scie chimiche e Ogm: nel 2015 finirà la guerra contro l’umanità?

103

Nel 2015 abbiamo una grande opportunità: possiamo contribuire a salvaguardare l’umanità. Con il 2014 lasciamo andare un altro anno che, per lo più, ci ha visti assistere inermi alla distruzione del pianeta e dell’umanità.

Le politiche economiche dettate dalle multinazionali hanno distrutto 16 milioni di ettari di foreste ed hanno fatto si che nei mari e nei fiumi venissero scaricate almeno 180 milioni di tonnellate di sostanze chimiche-tossiche. Sembra impossibile, ma nella società della tecnologia ogni anno continuano a morire migliaia di bambini per denutrizione e per ingestione di acqua contaminata.

Il bollettino di guerra del 2014 non finisce qui, la società dei consumi si è macchiata di altri orrendi crimini contro l’umanità: nonostante evidenti prove scientifiche è proseguito in modo instancabile l’avvelenamento del corpo umano tramite l’uso eccessivo di farmaci e il ricorso a vaccinazioni inutili imposte da Big Pharma.

Inoltre il 2014 potrà essere ricordato per la commercializzazione su larga scala della nanotecnologia. Vernici, deodoranti, prodotti cosmetici, conservanti per alimenti e medicinali hanno contribuito a portare al grande pubblico la guerra delle cellule. Se ancora non lo sapeste tutti i giorni dell’anno passato le vostre cellule hanno combattuto una guerra segreta contro i metalli pesanti rilasciati nell’ambiente ed introdotti nel vostro corpo in vario modo.

L’anno appena trascorso ha visto i potentati economici continuare a strizzare l’occhio alla grande distribuzione che ha perseverato nel manipolare il cibo immesso sul mercato. Nel 2014, oltre alle brutte pratiche messe in atto dall’ industria conserviera, l’avidità umana ha continuato a trarre profitto dalle coltivazioni Ogm che, imperterrite, si sono presentate sulle tavole di tutto il mondo sotto mentite spoglie . Inoltre, in ogni mese dell’anno, i pesticidi usati dall’agricoltura industriale hanno continuato ad impoverire il terreno e a visitare i nostri intestini.

Comunque l’oscar della distruttività va alla geoingegneria clandestina. Oltre alle tante guerre combattute in maniera “tradizionale” in diverse zone del mondo, che inequivocabilmente ci rinfrescano la memoria sull’idiozia umana, dagli anni novanta va in scena la manipolazione del clima. Ogni santo giorno del 2014 lo abbiamo trascorso sotto un cielo chimico modificato da operazioni militari che stanno mettendo a repentaglio il futuro di miliardi di persone. I cieli fanno sempre più schifo, eppure in tutto il 2014 le operazioni di regime hanno lavorato per “normalizzare” quelle scie chimiche che sfregiano il cielo e quelle nuvole disposte una accanto all’altra, per colpa di frequenze sparate nell’aria, come tanti batuffoli di cotone che oscurano il sole.

Sicuramente l’agenda delle nefandezze del 2014 è ben più ampia, comunque l’anno passato ha visto un’umanità che ha lavorato, ha ascoltato, si è interrogata, si è appassionata, ha riso, ha aiutato, ha coltivato, ha pianto, ha gioito ed ha trasmesso tante altre cose belle. L’anno che se ne è volato via ha accompagnato il desiderio di miglioramento di uomini e donne, che incontrandosi magari hanno messo su famiglia ed hanno cresciuto i loro figli nel rispetto di quei valori che sono depositari.

Tutto quello che abbiamo vissuto nel 2014 ci permette di essere qua nel 2015 con maggiore forza per ribadire la nostra umanità. Uniti si vince, insieme facciamo la differenza, ciò che sembra impossibile individualmente in gruppo può divenire una realtà.

L’Antica Saggezza ci insegna che quella luce che le irrorazioni chimiche vorrebbero oscurare è presente nei nostri cuori. Quindi anche il 2015 inizia all’insegna della luce nei cuori. Nell’anno presente, ancora una volta, l’umanità ha la possibilità di imparare a stare, un po’ di più, al mondo prendendosi cura di ciò che le compete.

 

 

http://ununiverso.altervista.org/blog/scie-chimiche-e-ogm-nel-2015-finira-la-guerra-contro-lumanita/