Sbatte la testa sciando e diventa un genio: “Adesso ho una super memoria”

Sbatte la testa sciando e diventa un genio: “Adesso ho una super memoria”

- in Mondo
599
0

Sta facendo il giro del mondo la vicenda di una donna che, dopo un trauma cranico, ha scoperto di aver sviluppato la rarissima Sindrome del savant.

“Pensate a tutti gli edifici in cui siete stati. Pensate al luoghi immensi, come il Louvre, dove avete passeggiato una sola volta 10 anni fa. Migliaia di posti, con migliaia di stanze. E adesso immaginate di avere l’abilità di di disegnare uno schema di ciascuno di quegli edifici, fino al minimo dettaglio, non importa quanto tempo fa ci siete stati o quante volte. Si chiama Sindrome del savant, ed è rara. Il mio caso è unico, perché non ci sono nata, l’ho acquisita.”

sindrome-savant-joxane-300x225
Inizia così il racconto anonimo di una donna statunitense che ha raccontato la sua incredibile storia al sito XoJane. Era in vacanza sulla neve e stava sciando a forte velocità, poi ha perso il controllo ed è caduta battendo la testa. Ha ignorato il senso di nausea e l’emicrania per un paio di giorni finché non ha deciso di andare in ospedale, dove i medici le hanno riscontrato una leggera commozione cerebrale e l’hanno dimessa. Nei giorni successivi, però, nausea vertigini ed emicrania non cessavano, ma la cosa più strana riguardava la memoria: “Era come se potessi vedere, anche se non in senso letterale perché avevo ancora le vertigini, c’era questa strana scissione tra quello che stavo vedendo e quello che il mio cervello stata processando in quell’istante. Potevo ricordare ogni luogo, come sfogliando le pagine di un libro. Ogni posto in cui ero stata, e soprattutto gli edifici. Continuavo a a dire al mio neurologo che ricordavo troppe cose, non era normale.”

C’è voluto un anno e tre neurologi per capire cosa le stesse succedendo: ha acquisito la c.d. Sindrome del savant, una condizione neurologica rarissima – se ne conoscono solo 50 casi al mondo – per la quale, in seguito a un trauma, si sviluppano spontaneamente abilità particolari relative alla memoria, alla sensibilità artistica o musicale, o al calcolo matematico. “Il mio caso è diverso dalle tipiche diagnosi di Sindrome del savant, dal momento che non sono nata così. Prima della caduta, non avevo alcun interesse per l’architettura, tanto meno per gli edifici. Le mie competenze tecniche artistiche erano minime. Non ho mai avuto interesse per la progettazione né per l’interior design. Dopo la caduta, ho riempito quaderni su quaderni coi miei strani ricordi di luoghi.“

 

 

 

Tratto da: meteoweb

http://ununiverso.altervista.org/blog/sbatte-la-testa-sciando-e-diventa-un-genio-adesso-ho-una-super-memoria/

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Lettera a Berlusconi, a Salvini e alla Toffa

QUATTRO PRECISE CONDIZIONI PER VOTARE FORZA ITALIA Commenti