Ritrovato dopo 5 anni a 10 mila chilometri di distanza: la storia di Anton Pilipa

Ritrovato dopo 5 anni a 10 mila chilometri di distanza: la storia di Anton Pilipa

- in Mondo
1023
0
Fonte immagine: http://plus55.com/brazil-culture/news/2017/02/missing-canadian-undocumented-brazil

Una sorta di “Into the wild” a lieto fine: così si potrebbe descrivere la vicenda di Anton Pilipa, scomparso 5 anni fa e ritrovato a 10 mila km di distanza

A molti la storia che ha visto protagonista Anton Pilipa, canadese oggi 40enne, ha ricordato il celebre film Into the wild”, che raccontava le vicende del giovane (e sfortunato) Chris McCandless, un ragazzo che abbandonò tutto quanto dopo gli studi per vivere a stretto contatto con la natura. Nel 2012 Pilipa fece lo stesso: mollò la sua vita a Vancouver e sparì nel nulla, tanto che la famiglia dopo qualche anno di inutili ricerche lo diede per morto. E invece Anton era vivo e in questi cinque anni ha percorso oltre 10 mila chilometri, fino a raggiungere, dal Canada, la foresta di Manaus in Brasile.

Nel suo peregrinare ha attraverso una decina di nazioni diverse e due continenti, muovendosi quasi esclusivamente a piedi. Forse anche per questa ragione era stato impossibile ritrovarlo durante le ricerche che famiglia e amici misero in piedi, senza che di lui fosse rinvenuta alcuna traccia. Con il passare del tempo, le speranze di incontrarlo di nuovo si erano affievolite ed erano svanite quasi del tutto, per questo è stata grande la sorpresa nel ritrovarlo.

2248984_missing_poster_1_

Anton si era allontanato da casa spontaneamente e secondo i conoscenti più stretti soffriva di schizofrenia. A segnalare il suo ritrovamento è stato – ironia della sorte – un poliziotto brasiliano ma di origini canadesi, quindi connazionale di Pilipa, che ha individuato qualcosa che assomigliava ad un sacco della spazzatura: in realtà si trattava di un uomo, piuttosto trasandato, privo di documenti; lo scenario è quello della foresta Amazzonica. L’individuo è stato subito trasportato in ospedale dove le sue condizioni sono definite buone.

L’uomo si presenta come Anton Pilipa, canadese, e così vengono messe in allerta le ambasciate; il fratello di Anton, Stefan, si imbarca subito per il Brasile, quasi sotto shock per la notizia ricevuta. Pensa ad un errore, ma invece l’uomo ritrovato, per sua grande gioia, è proprio il fratello. Dai pochi racconti finora emersi, Anton ha spiegato di aver camminato per oltre 10 mila chilometri, molti dei quali senza nemmeno le scarpe, e che lo zaino che aveva con sé gli è stato rubato quasi subito. Tuttavia è riuscito a sopravvivere per 5 anni senza fare affidamento su niente e nessuno: “Vivere è davvero semplice, non hai bisogno di molte cose in realtà” sono state le sue parole.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Telefonini e smartphone: è pericoloso averli a “contatto”?

La recente sentenza del Tribunale di Ivrea ha