Quello che i media occidentali, oggi, non dicono: Civili uccisi dagli attacchi della Turchia in Siria…VIDEO

Quello che i media occidentali, oggi, non dicono: Civili uccisi dagli attacchi della Turchia in Siria…VIDEO

- in Mondo
445
0

Un video pubblicato da un’agenzia curda mostra edifici distrutti, morti e feriti dopo gli attacchi turchi nel nord della Siria. Oggi, però, i media occidentali e delle monarchie del Golfo, sono tutti occupati a dimostrare, la “crudeltà” dell’aviazione russa e siriana che distruggono ospedali.

Un video pubblicato da un’agenzia curda mostra edifici distrutti, morti e feriti dopo gli attacchi turchi nel nord della Siria.
Oggi, però, i media occidentali e delle monarchie del Golfo, sono tutti occupati a dimostrare, la “crudeltà” dell’aviazione russa e siriana che distruggono ospedali.

È stato riferito che almeno due civili sono stati uccisi e diversi feriti nel villaggio di Maryamayn, vicino alla città di Afrin nella provincia siriana di Aleppo, durante gli attacchi da parte dell’esercito turco contro le postazioni delle milizie curde. Gli attacchi si verificano per un secondo giorno nella stessa provincia.

Un video diffuso dal curdo agenzia ANHA e ottenuto dalla Ruptly mostra edifici distrutti e la gente che soccorre i feriti.
A Ruptly è stato segnalato che almeno due civili sono morti, oltre a diversi feriti.

Nel frattempo, le forze curde di YPG hanno annunciato che non faranno un passo indietro dalle aree settentrionali del paese il cui controllo è stato recentemente strappato allo Stato islamico. “Recentemente abbiamo conquistati la base aerea di Meneg e ora siamo vicini a fare lo stesso a Tel Rifaat”, ha dichiarati un portavoce della YPG. “Il nostro obiettivo è quello di combattere ed espellere lo Stato islamico nei territori sotto il loro controllo. La Turchia vuole riportarci ad Afrin, ma che non accadrà. Ci stiamo muovendo in avanti e non ci  ritireremo”, ha dichiarato.

Fonte: RT

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Lettera a Berlusconi, a Salvini e alla Toffa

QUATTRO PRECISE CONDIZIONI PER VOTARE FORZA ITALIA Commenti