Postumi della sbornia? Mai più grazie ad una bevanda ideata da un giovane coreano

Postumi della sbornia? Mai più grazie ad una bevanda ideata da un giovane coreano

- in Mondo, Salute
350
0

A base di un efficace flavonoide, il rimedio, messo a punto in collaborazione con l’UCLA, sarebbe capace di annullare tutti i fastidiosi effetti di un post sbronza. Ecco i dettagli del progetto e com’è nata l’idea.

Vi è mai successo di esagerare un po’ coi brindisi e svegliarvi il mattino dopo con una brutta sensazione di nausea ed un gran mal di testa? Grazie ad un prodotto tutto naturale questo malessere potrebbe diventare solo un brutto ricordo. Sisun Lee, 26enne di origini coreane, avrebbe inventato un rimedio efficace contro i postumi della sbornia: il suo nome è Morning Recovery ed è stato lanciato sul mercato statunitense già dallo scorso 5 luglio.

Il ragazzo, ai tempi dipendente dell’azienda automobilistica Tesla, aveva avuto modo di testare su se stesso, durante un viaggio in Corea del Sud, le straordinarie proprietà benefiche legate ad alcuni rimedi locali contro gli effetti collaterali di una sbronza dopo qualche notte brava con gli amici. Tornato negli Stati Uniti però, non trovando dei prodotti altrettanto efficaci, ha deciso di produrne uno lui stesso. Grazie agli studi condotti dal dottor Jing Liang dell’Università della California (UCLA) su alcune sostanze vegetali capaci di combattere gli effetti del bere, fra cui la diidromiricetina, presente nelle foglie di vite chiamata Ampelopsis grossedentata e nel ciliegio giapponese. Rimedi asiatici molto antichi che avrebbero la capacità di eliminare l’acido tossico che l’organismo produce quando si esagera con l’alcol e responsabile del tipico mal di testa da sbornia.

Lee avrebbe testato personalmente l’efficacia della formula messa a punto dal dottor Liang, ubriacandosi sistematicamente per diverse sere ed assumendo il rimedio le mattine seguenti. Entusiasta dei risultati ma ancora scettico, avrebbe poi allargato il campione di tester del prodotto, scoprendo così che l’80% delle persone che lo avevano assunto ne confermava l’efficacia. Le voci su questa rivoluzionaria bevanda post sbronza sono arrivate, grazie ai social, sino ad un manager di Toronto che ha segnalato il progetto a Product Hunt, un sito specializzato nel lancio di prodotti inediti. In seguito alla segnalazione del sito in un solo giorno ben 10 mila volontari si sono proposti per testare il drink miracoloso.

L’ultimo aiuto è poi arrivato da Slow Ventures, azienda di San Francisco specializzata nel settore tecnologico, che ha reso possibile la produzione della bevanda Morning Recovery. A quel punto Lee ha deciso di licenziarsi da Tesla per dedicarsi interamente al suo progetto. Oltre 210 mila dollari sono arrivati da più di 4 mila persone tramite IndieGogo, famoso sito internazionale di finanziamento collettivo, tutti desiderosi di provare la “pozione”. Il prossimo step per Lee sarà quello di ricevere un’approvazione ufficiale che vada oltre quella della Food and Drug Administration per quanto riguarda la conformità degli ingredienti, di modo che il prodotto possa diventare da semplice integratore dietetico a vera e propria medicina, prescrivibile dal medico per curare le conseguenze di un bicchierino di troppo.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

L’inganno della sigaretta elettronica: 10 volte più cancerogena di quella normale

Una ricerca tedesca ha messo in evidenza i