Perchè i preti pedofili creano più scandalo?

133

Nonostante in più di un’occasione è stato dimostrato che il numero di preti pedofili rispetto al totale dei preti sia davvero esiguo ( lo 0,03% quindi 3 preti pedofili ogni 3.000), l’accanimento nei confronti dei preti e della Chiesa rimane molto aspro:come mai?


I dati sono molto chiari eppure nell’opinione pubblica il tormentone “la Chiesa difende i pedofili” oppure “i preti sono tutti pedofili” non si placa alimentato sopratutto da trasmissioni poco credibili come “Le Iene” che piuttosto di occuparsi della pedofilia in generale si preoccupano, per la maggiore, della Chiesa Cattolica.
L’opinione pubblica non viene smossa nemmeno quando le statistiche ci dicono che la pedofilia sia un problema grave anche  nella scuola, questo però sembra fare meno scalpore, come mai?

Prima di rispondere a questa domanda proponiamo qualche altro dato, ad esempio un’indagine dell’UAAR che palesa un dato davvero allarmante, la maggior parte degli “abusi” non viene poi confermato ma sopratutto la maggior parte di questi reati vengono commessi da persone con istinti omosessuali o da laici.

Come reagisce la Chiesa?
Sia il Papa Emerito Benedetto XVI che Papa Francesco sono stati molto chiari, riprendiamo una dichiarazione:

Papa Francesco intende “agire con decisione per quanto riguarda i casi di abusi sessuali,continuando nella linea voluta da Benedetto XVI”. Lo afferma un comunicato della Congregazione per la Dottrina della Fede. “Il Santo Padre – afferma testualmente la nota – ha raccomandato in particolar modo che la Congregazione, continuando nella linea voluta da Benedetto XVI, agisca con decisione per quanto riguarda i casi di abusi sessuali, promuovendo anzitutto le misure di protezione dei minori, l’aiuto di quanti in passato abbiano sofferto tali violenze, i procedimenti dovuti nei confronti dei colpevoli, l’impegno delle Conferenze episcopali nella formulazione e attuazione delle direttive necessarie in questo campo tanto importante per la testimonianza della Chiesa e la sua credibilità. Il Santo Padre ha assicurato che nella sua attenzione e nella sua preghiera per i sofferenti le vittime di abusi sono presenti in modo particolare”. (Il Foglio)

Non finisce qui, Francesco è stato ancora più chiaro quando ha parlato delle vocazioni sacerdotali:

Abbiamo bisogno di sacerdoti, mancano le vocazioni. Il Signore chiama, ma non è sufficiente. E noi vescovi abbiamo la tentazione di prendere senza discernimento i giovani che si presentano. Questo è un male per la Chiesa! Per favore, occorre studiare bene il percorso di una vocazione! Esaminare bene se quello è dal Signore, se quell’uomo è sano, se quell’uomo è equilibrato, se quell’uomo è capace di dare vita, di evangelizzare, se quell’uomo è capace di formare una famiglia e rinunciare a questo per seguire Gesù. Oggi abbiamo tanti problemi, e in tante diocesi, per questo errore di alcuni vescovi di prendere quelli che vengono a volte espulsi dai seminari o dalle case religiose perché hanno bisogno di preti. Per favore! Dobbiamo pensare al bene del popolo di Dio.” (Korazym).

Tutto questo però all’opinione pubblica non basta e non basta sopratutto ai detrattori della Chiesa Cattolica o a coloro che utilizzano questa scusa per allontanarsi dalla Chiesa e da Cristo, torniamo allora alla nostra domanda:come mai?

La risposta non può che essere una e una soltanto: gli atei e i detrattori in fondo hanno una grande fede.
Perchè sono arrivato a questa conclusione? E’ molto semplice.

Se una persona non è credente non può far altro che mettere sullo stesso piano un prete con un maestro o con qualsiasi altra persona che commette il reato di pedofilia, gli stessi detrattori se davvero volessero mettere in cattiva luce la Chiesa Cattolica e la Verità rivelata non dovrebbero scandalizzarsi più di tanto se un prete commette tale reato, dato che “la legge è uguale per tutti“.
Questo non avviene ed è logico a questo punto pensare che le persone non credenti in fondo al loro cuore sappiano che il prete rappresenta il bene assoluto, che la Chiesa rappresenta il bene assoluto e che gli insegnamenti di Gesù Cristo siano la sola e unica Verità, non c’è altra spiegazione.
La logica ci induce a ragionare in questa maniera, se io non credo in Dio o in Gesù Cristo non posso credere che un prete sia più colpevole di un pedofilo qualunque perchè il prete, agli occhi di chi non crede, dovrebbe essere un lavoro come un altro, invece no, in fondo al nostro cuore ci rattristiamo se è un uomo di Dio a compiere tale atto mentre se è un maestro ci arrabbiamo e basta, restiamo delusi se è un uomo di Chiesa a compiere tale atrocità nei confronti di un minore perchè dovrebbe essere lui a dare l’esempio di una vita retta e sana.
Sono pienamente d’accordo, da credente, a queste obiezioni, chiunque ami la Chiesa e ama Gesù non può far altro che rattristarsi davanti a tale peccato, lo stesso Cristo era molto chiaro nei confronti di chi se la prendeva con i bambini:

Chi invece scandalizza uno solo di questi piccoli che credono in me, meglio per lui gli fosse appesa un macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare. Guai al mondo per gli scandali! È inevitabile che avvengano scandali, ma guai all’uomo per colpa del quale avviene lo scandalo» (Mt., 8, 6-7).

E’ questo il vero punto, è qui che dobbiamo mettere a fuoco il problema, se anche noi la pensiamo come il versetto qui sopra allora in fondo al nostro cuore siamo credenti ma non abbiamo il coraggio di ammetterlo perchè ci dimentichiamo che siamo tutti esseri umani inclini al peccato e lo sono anche i sacerdoti che oltre che esser giudicati su questa terra verranno giudicati con ancor più rigore quando verrà il loro momento, davanti al giudice eterno che è Dio.

Se anche solo una volta avete provato ribrezzo o delusione quando avete sentito parlare, siete stati testimoni o addirittura vittime di un abuso da parte di un uomo di Chiesa è proprio lì che avete capito quanto la parola di Gesù sia la unica e sola Verità.

– di Maurizio Elia Spezia – 

 

 

 

 

 

 

Fonte: Lo Sai? 

http://www.informarexresistere.fr/2015/07/21/perche-i-preti-pedofili-creano-piu-scandalo/