Parma Calcio: fallimento pilotato?

Parma Calcio: fallimento pilotato?

- in Sport
860
0

Il fallimento pilotato è diventato realtà per il Parma Calcio: una decisione nell’aria da settimane, è stata ratificata qualche giorno fa dal tribunale della città. Il Parma Calcio come lo conoscevamo fino ad oggi non esiste più e il tribunale che ha decretato il fallimento ha anche provveduto a nominare due curatori, Alberto Guiotto e Angelo Anedda, concedendo inoltre l’autorizzazione per l’esercizio provvisorio.

Una soluzione inevitabile per permettere ad un club che aveva raggiunto un debito complessivo di 218 milioni di euro di concludere la stagione sportiva senza falsare il campionato di serie A; la società gialloblu si era vista costretta, infatti, a rinviare due partite proprio a causa della mancanza di fondi, che le hanno impedito addirittura di aprire lo stadio per gli impegni di campionato.
Con il fallimento pilotato, se non altro, il Parma potrà concludere la stagione – grazie al fondo di 5 milioni di euro messo a disposizione dalla Lega Calcio – già gravemente compromessa dall’ultimo posto e dai tre punti di penalizzazione, retrocedendo in serie B. A quel punto, però, chi deciderà di prendere in mano la società potrà ripartire dalla serie cadetta, evitando così una risalita ben peggiore, e più lunga, dalle serie inferiori come accadde a Napoli e Fiorentina una decina d’anni fa. Per questo, nel centro sportivo di Collecchio, la decisione del tribunale è stata accolta da giocatori e staff con un sospiro di sollievo, poiché si tratta di un provvedimento dal quale potrebbe prendere il via una ricostruzione, seppur difficile. Ciò che rimane è una macchia di enormi dimensioni per il calcio italiano: mai prima d’ora, infatti, una società di serie A era fallita a campionato in corso. L’unico precedente è dell’anno scorso, ma riguarda la serie B (accadde al Bari). Brutti segnali per un movimento nel quale in tanti si ostinano a non vedere la crisi, continuando come se nulla fosse come la celebre orchestra a bordo del Titanic.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di