Nuova vita e nuovo lavoro per il “CicloFabbro BaGAJ”

Nuova vita e nuovo lavoro per il “CicloFabbro BaGAJ”

- in Ambiente, Lifestyle
1112
0

Quando la creatività incontra il rispetto per l’ambiente. Per cercare di superare la crisi attraverso un modo alternativo di vivere e di lavorare.

È la scelta di un 33enne di Parma, di nome Alessandro Mercadanti e di professione fabbro, o meglio ‘diversamente fabbro’. Da 18 anni conosce ed esercita il mestiere, soltanto che da qualche mese ha deciso di re-interpretarlo ed effettuarlo a modo suo, on the road, su una bicicletta, anzi, su una ‘speciale’ bicicletta.
Non si tratta infatti della tradizionale bici con cestino davanti, piuttosto di una due ruote con addirittura un cassonetto abbastanza grande nella sua parte posteriore. Il marchio di fabbrica che compare scritto su di esso – e che rappresenta il progetto di Alessandro – è “CicloFabbro BaGÄJ”. Perché lui è un “ciclorivoluzionario”, tant’è persino che pedala a piedi scalzi.

Una bicicletta realizzata dallo stesso Alessandro in soli 5 mesi e che inizialmente era utilizzata per fare la spesa. Ma che è poi diventata il suo ‘unico’ mezzo di trasporto giornaliero, per lavorarci, appunto. Già, Alessandro ha deciso di abbandonare l’auto, riducendo così una voce importante dei costi quotidiani – la benzina – e dando il suo personale contributo al rispetto per l’ambiente, divertendosi al tempo stesso. Perché andare in bicicletta è così, un vero toccasana per il corpo e per la mente.

Ma a che serve il grande cassonetto? È un contenitore di tutti gli articoli da lui realizzati tramite oggetti di recupero, come quelli da cucina, cioè forchette e cucchiai, da cui ne ricava bijoux molto particolari, sui generis e alternativi. Oggetti che vengono poi rivenduti e che si uniscono ai lavoretti di manutenzione che Alessandro svolge presso gli abitanti della sua città. E anche con il comune di Parma e l’università, sono nate delle collaborazioni interessanti, a detta del giovane.
Un lavoro e uno stile di vita che si rinnovano giornalmente, insomma.

“L’arte di accomodare le cose”, come la chiama lui. Ovvero, la capacità di reinventarsi sempre, a cominciare dal riuso degli oggetti più comuni e che solitamente finirebbero nel cestino della spazzatura, gli stessi che invece possono diventare l’esca di una nuova attività.
Senza dimenticare il fatto che viene rivalutato un mestiere oramai quasi dimenticato o comunque ‘svalutato’ dal passare del tempo, quello del fabbro. Una rivalutazione in chiave moderna, originale, eco-friendly.

Sono molte le persone, soprattutto bambini, che sorridono vedendolo passare in giro per la città, scalzo, sorridente e con il casco. Un ‘personaggio’, direbbe qualcuno.
In effetti, è un personaggio alternativo e sicuro del fatto suo, Alessandro, perché è una chiara scelta di vita la sua e non si vergogna a dirlo. Anzi, si pubblicizza anche sul web, con tanto di sito, pagina Facebook, video su Youtube, ecc. E recapito telefonico tramite cui poterlo contattare.
Lui aspetta di essere contattato da un numero sempre maggiore di persone. E noi, cosa aspettiamo a diventare suoi followers, non solo virtuali?

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di