Norvegia: quando la mobilità cittadina è ‘green’

181

Sono sempre di più i Paesi che stanno tentando di avviarsi verso una mobilità sostenibile e tra questi ve ne sono alcuni che stanno già mettendo in pratica alcuni progetti volti a dare concretezza a tale anelito. La Norvegia, ad esempio, ha deciso di vietare il transito delle automobili nel centro storico di Oslo. Stando a quanto dichiarato, pare che entro il 2019 nel cuore della capitale norvegese si potrà passeggiare senza preoccuparsi del transito delle auto.

Il progetto è stato presentato da una giunta composta da Laburisti, Verdi e Socialisti ed ha riscosso immediatamente un enorme successo. L’obiettivo del progetto è rappresentato dalla tutela dell’ambiente e, soprattutto, dalla lotta ai cambiamenti climatici che stanno irrimediabilmente mettendo a rischio il nostro pianeta. L’idea dei promotori di tale avveniristico progetto, infatti, è di dimezzare le emissioni di CO2 in solo 5 anni e, addirittura, di ridurle del 95% entro e non oltre il 2030. Ovviamente, non è da trascurare, poi, la drastica riduzione del traffico cittadino che consentirà di vivere e visitare la città in maniera molto più agevole.

Quella norvegese, pertanto, rappresenta una svolta che dovrebbe essere presa ad esempio da ogni Paese appartenente all’Unione europea. A fare da corollario al divieto di transitare con le auto nel centro storico di Oslo vi è la costruzione di ben 60 km di piste ciclabili e di vantaggiosi incentivi finalizzati a sensibilizzare i cittadini all’acquisto di biciclette elettriche. Inoltre, nei piani della giunta vi è anche un ingente investimento nel settore dei trasporti pubblici al fine di poter fornire un’alternativa a tutti coloro che erano soliti utilizzare l’auto.

Probabilmente il divieto di transitare con le auto nel centro storico di Oslo almeno inizialmente provocherà non pochi disagi. Tale zona della città, infatti, pur essendo abitata solo da circa 1000 persone, è frequentata da più di 90000 individui che, ogni giorno, vi si recano per lavoro. Ad essere molto preoccupati, ad esempio, sono i commercianti che temono un calo delle vendite a causa di tale imposizione. I Verdi, però, hanno prontamente risposto al dubbio di tale categoria facendo presente che i veicoli ad emissioni zero potranno comunque circolare nell’area.

La normativa norvegese prevede anche delle eccezioni: potranno raggiungere il centro storico in macchina, infatti, tutti coloro che trasportano disabili o merci. Anche gli autobus ed i tram potranno continuare a transitare in tale zona andando a sostituire le automobili.

Una cosa è certa: quella norvegese è una vera rivoluzione soprattutto per un Paese che si attesta come maggiore produttore di petrolio d’Europa. D’altro canto, proprio la Norvegia detiene anche il primato di vendita di auto elettriche. Indipendentemente dalle logiche di profitto, la Norvegia ha fatto una scelta decisamente molto coraggiosa che non passerà affatto inosservata. Ad onor del vero, è necessario specificare che in Europa vi sono state altre città che, seppur in maniera temporanea, hanno applicato le medesime misure. Parigi, ad esempio, in passato ha messo in atto vari blocchi temporanei nel centro storico della città. A Londra e Madrid, invece, è stata istituita una tassa sulla circolazione di auto nel centro in modo tale da disincentivare tale abitudine ed avviarsi verso una mobilità concretamente sostenibile.

Il team di BreakNotizie