Nazionalizzare le banche e revisioni contabili

45

L’alta rendita spiegata al mio commercialista

di Marco Saba

Non basta nazionalizzarle, le banche, occorre anche eliminare il loro falso di bilancio preferito, quando mettono la moneta emessa come passivo del bilancio e riciclano la rendita monetaria nello shadow-banking del riciclaggio attraverso le camere di compensazione internazionali. Infatti è così che anche le banche centrali “nazionalizzate”, quando non sono occupate a favorire gli amici con le operazioni di mercato aperto (O.M.O., Open market Operations) oppure tramite la manipolazione costante di cambi e materie prime. Manipolano i prezzi investendo in perdita, nel caso dell’oro, tanto a loro le perdite costano nulla. Le controparti delle banche criminali vengono affettuosamente chiamate “speculatori”, redditieri, rentiers, Brigate Rothschild, etc.
Ma il fatto è che emettendo moneta legale come privati a loro favore, impoveriscono la società delle somme emesse. E, questo è il bello, non le renderanno mai più. Infatti, se le cose vanno male, si fanno nazionalizzare per coprire i buchi cui corrispondono in positivo i loro conti segreti nei paesi off-shore (che non vengono MAI nazionalizzati, quelli, eh eh eh….). Se invece le cose vanno come previsto dalla banda centrale, allora arraffano tutti gli asset del territorio, risorse, rendite, patrimonio e poi precarizzano la forza lavoro…
Tutti i banchieri sul nostro territorio andrebbero arrestati per il pericolo di reiterazione del reato. Poi trattiamo.

Fonte: stampalibera.com