Militari italiani in Lettonia: pioggia di polemiche

Militari italiani in Lettonia: pioggia di polemiche

- in Italia, Polemica
389
0
Fonte immagine: http://www.russia-direct.org/analysis/real-confrontation-between-nato-and-russia-unthinkable

È stata contestatissima la decisione del governo Renzi di aderire alle esercitazioni Nato al confine con la Russia: l’Italia paga scarso peso internazionale

Ha destato grande scalpore e accese polemiche la ormai nota decisione dell’Italia di aderire alle esercitazioni militari della Nato in Lettonia, al confine con la Russia, inviando un contingente di 140 uomini. Invece di instaurare un dialogo con Mosca – questa la posizione dei più scettici – si partecipa alle provocazioni da parte dell’Alleanza Atlantica nei confronti della Russia, creando tensioni quando ci sarebbe bisogno di rapporti distesi per far fronte a ben altri nemici, in primis il terrorismo.

Obiezioni condivisibili, ma che tengono poco conto dell’attuale posizione dell’Italia nello scacchiere internazionale: una posizione piuttosto debole, che la vede succube dei Paesi occidentali di riferimento, in modo particolare gli Stati Uniti. Per tale ragione si può dire che l’Italia non aveva molta scelta: di fronte a certe decisioni di organismi internazionali, il governo Renzi non può fare altro che abbassare la testa e accettare scelte e ordini presi altrove.

L’alternativa sarebbe opporsi, ma questo esecutivo non pare avere il coraggio per dire “No” in ambito internazionale, così come all’interno delle proprie mura fa di tutto per cercare di imporre il “sì” al prossimo referendum costituzionale. Ecco perché l’Alleanza Atlantica per l’Italia diventa soprattutto sudditanza, dovendo sottostare a decisioni che vengono imposte al nostro governo, che non si prende neppure la briga di annunciarle pubblicamente, ma lascia che a farlo siano altri e infatti l’invio del contingente italiano in Lettonia è stato comunicato, durante una conferenza stampa a Roma, dal segretario della Nato.

L’Italia si trova così “costretta” ad inviare i propri militari in Lettonia ma al tempo stesso è abbandonata dall’Europa sulla questione migranti, con gli sbarchi che continuano al sud e nelle isole senza che vi sia una politica adeguata per affrontare una situazione che si fa ogni giorno più complicata. La Nato, evidentemente, ritiene più opportuno alimentare un clima di insensata tensione con la Russia invece di far fronte ai problemi che riguardano i suoi alleati, agitando lo spauracchio-russo che appare però poca cosa rispetto alle crisi dei Paesi nordafricani e mediorientali e alla minaccia terroristica.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ecco perché baciare fa bene alla salute

Sapevate che baciare è un toccasana per la