Come addormentarsi facilmente con il metodo 4-7-8 del dottor Weill

211
metodo-4-7-8

Se soffrite d’insonnia o ultimamente fate fatica ad addormentarvi provate questa tecnica di respiro: seguendo i giusti step è possibile assopirsi nel giro di un minuto. Ecco come fare e in che modo agisce sul nostro organismo. 

La tecnica 4-7-8 per addormentarsi è un sistema pensato per coloro che faticano a prender sonno ed è stato ideato dal medico statunitense dell’Università di Harvard Andrew Weill. Si tratta di un metodo basato principalmente sul respiro e sulla possibilità di gestirlo e regolarlo in maniera mirata. A detta del dottor Weil la sua tecnica sarebbe capace di far addormentare chiunque in soli 60 secondi poiché agisce naturalmente sul sistema nervoso, predisponendo la persona al rilassamento e alla calma.

Come funziona il metodo 4-7-8

La procedura da seguire prevede degli step ben precisi. Si parte con l’inspirare profondamente, poi, con l’ausilio del diaframma si espelle tutta l’aria dai polmoni. Successivamente, a bocca chiusa, si inala col naso e si conta mentalmente sino a 4. Si trattiene il respiro contando fino a 7 ed infine si espira, buttando fuori tutta l’aria attraverso la bocca per 8 secondi. Ecco spiegato il nome “4-7-8”. Questa procedura va ripetuta per 3 volte.

metodo-4-7-8

Una tecnica che si rifà alla Pranayama

Per mettere a punto tale tecnica, il dottor Weill ha tratto ispirazione da una pratica indiana molto antica, la Pranayama, che letteralmente significa “controllo ritmico del respiro”. Grazie alla quantità di ossigeno che viene introdotta nell’organismo tramite la respirazione controllata si può ottenere un effetto rilassante sul sistema parasimpatico. Nei periodi di particolare stress, il sistema nervoso è sovra stimolato e ciò può indurre uno squilibrio che causa insonnia e cattiva qualità del sonno. Il metodo 4-7-8 ha un effetto calmante ed è efficace anche per contrastare gli stati ansiosi.

metodo-4-7-8

Efficace, ma occorre far pratica

Pare che lo stesso dottor Weill abbia testato anzitutto la tecnica su se stesso, traendone immediati benefici. Il medico ha raccontato infatti di aver assunto per molti anni dei farmaci ansiolitici e di aver provato il respiro ritmico controllato per cercare di calmare l’agitazione. Affinché la tecnica sia efficace è necessario però allenarsi almeno 2 volte al giorno per circa un mese per padroneggiare al meglio la tecnica di respiro. A detta del dottor Weill il suo metodo consente persino di allontanare i pensieri negativi e sentirsi in armonia col proprio corpo. Curiosi di testarla?

Il Team di BreakNotizie

Leggi anche:

I 7 alimenti che favoriscono il sonno

La mancanza di sonno rende il cervello cannibale