Metalli preziosi nei vecchi veicoli: un tesoro da riciclare

194
metalli-preziosi

Sapevate che il mercato europeo ogni anno butta letteralmente 20 tonnellate d’oro? Le vecchie auto in disuso sono infatti una preziosa risorsa per il riciclaggio dei metalli.

Un recente studio della Chalmers University of Technology in Svezia ha rivelato che le vecchie automobili sono delle risorse importanti per il riciclaggio dei metalli. Si tratterebbe di una svolta importante se le tonnellate di rifiuti di metallo, fra cui anche auto destinate allo sfasciacarrozze, trovassero un diverso impiego in Europa.

Una risorsa preziosa sprecata

Metalli come litio, cobalto e oro costituiscono infatti parte integrante di batterie, dispositivi elettronici, cellulari e veicoli, tuttavia il mercato europeo butta via ogni anno 20 tonnellate di oro recuperabili dalle vecchie auto. Per arrivare a tale conclusione i ricercatori svedesi hanno preso in esame 260 milioni di veicoli leggeri che hanno circolato in Europa e sono stati in grado di determinare la quantità di metalli critici presenti e i rifiuti prodotti, scoprendo che sono in progressivo aumento gli scarti, oltre che nuovi materiali critici che vengono impiegati per la produzione. Ciò dipende dal fatto che si stanno costruendo veicoli sempre più avanzati che includono delle componenti elettroniche rilevanti, oltre a convertitori catalitici e materiali leggeri.

metalli-preziosi-auto

Una regolamentazione quasi inesistente

Occorre sottolineare però che, se l’Unione Europea ha una regolamentazione specifica per quanto riguarda il riciclo dei metalli preziosi all’interno di apparecchiature elettroniche ed elettriche, lo stesso non vale per quello che concerne i veicoli. Lo scopo della ricerca svedese è, infatti, spronare e stimolare ad un cambiamento in questo senso.

Come illustrato da Maria Ljunggren Söderman, responsabile dello studio e ricercatrice all’Environmental Systems Analysis dell’università di Göteborg, questi metalli sono necessari per avviare la transizione verso tecnologie più sostenibili ed ecologiche, quali auto elettriche, illuminazione a LED e celle solari, dunque qualsiasi rischio di approvvigionamento diviene un problema economico e strategico per l’Unione Europea. A detta della scienziata, si tratta di risorse limitate che dovrebbero essere riutilizzate in maniera sostenibile, pertanto produttori di veicoli e industrie del riciclaggio dei metalli dovrebbero collaborare per garantire un passo in avanti. “Deve essere possibile fare di più di quello che facciamo al momento, dopotutto lo si fa già con le apparecchiature elettriche ed elettroniche” ha concluso la ricercatrice.

Maria-Ljunggren-Söderman

Il Team di Breaknotizie