Lo storico discorso del presidente Rouhani

Lo storico discorso del presidente Rouhani

- in Mondo
494
0

Quello che segue è lo splendido e storico discorso del presidente iraniano Rouhani di fronte all’assemblea delle Nazioni Unite. Un ONDA di cambiamento sta investendo il mondo e niente potrà fermarla. Da diffondere assolutamente. UnU

Link alla versione inglese.

Onda

 

 

 

 

 

 

 

DISCORSO DI:

H. E. Dr. Hassan Rouhani Presidente della Repubblica Islamica dell’Iran

alla sessantottesima assemblea Generale della Nazioni Unite.

New York 24/09/2013

In nome di Dio, il Compassionevole, il Misericordioso

Sia lode a Dio, il Lordofthe worlaÿ. La Benedizione e la Pace siano sul nostro Profeta Maometto e la sua gente e compagni.

Signor Presidente, Signor Segretario Generale, Eccellenze, Signore e Signori.

In via preliminare, vorrei offrire le mie più sincere felicitazioni per la sua elezione meritata alla presidenza dell’Assemblea generale e cogliere il momento per esprimere apprezzamento per gli sforzi del nostro illustre segretario generale.

Il nostro mondo oggi è pieno di paura e di speranza, paura della guerra e di ostili rapporti regionali e globali; paura del confronto mortale di identità religiose, etniche e nazionali; paura dell’istituzionalizzazione della violenza e dell’estremismo, paura della povertà e della discriminazione distruttiva; paura del decadimento e della distruzione delle risorse vitali; paura del disprezzo per la dignità umana e dei diritti e paura di abbandono della moralità. Accanto a questi timori, tuttavia, ci sono nuove speranze, la speranza di una  accettazione universale da parte del popolo e dell’elite di tutto il mondo, la speranza del “sì alla pace e no alla guerra ” e la speranza che si preferirà il dialogo al conflitto e la moderazione all’estremismo.

Le recenti elezioni in Iran rappresentano un esempio chiaro, vivente di una scelta saggia di speranza, razionalità e moderazione da parte del grande popolo dell’Iran. La realizzazione della democrazia coerente con la religione e il trasferimento pacifico del potere esecutivo manifestano che l’Iran è tuttora un’ancora di stabilità in un oceano di instabilità regionale. Il forte credo del nostro popolo e del governo in una pace duratura, nella stabilità, nella tranquillità, in una risoluzione pacifica delle controversie e nella fiducia nelle urne come base di potere, l’accettazione pubblica e legittimità, hanno infatti svolto un ruolo chiave nella creazione di un così sicuro ambiente.

Signor Presidente, Signore e Signori, l’attuale periodo critico di transizione nelle relazioni internazionali è pieno di pericoli,

anche se con opportunità uniche. Qualsiasi errore di giudizio della propria posizione e, naturalmente di quella degli altri, porterà a danni storici, un errore da parte di un attore avrà un impatto negativo su tutti gli altri. La vulnerabilità è ormai un fenomeno globale e indivisibile.

A questo punto così importante nella storia delle relazioni, l’età dei giochi che non portano a niente è finita, anche se alcuni attori tendono ancora di fare affidamento su modi e mezzi arcaici e profondamente inefficaci per preservare la loro vecchia superiorità e dominio. Il militarismo e il ricorso a mezzi violenti e militari per sottomettere gli altri sono riusciti esempi della perpetuazione di vecchi sistemi in circostanze nuove.

Politiche economiche e militari coercitive e pratiche finalizzate alla manutenzione e conservazione di vecchie superiorità e dominazioni sono state perseguite in uno schema mentale che nega la pace, la sicurezza, la dignità umana ed esalta gli ideali umani. L’ignorare le differenze tra le società e il voler globalizzare i valori occidentali come universali rappresentano un’altra manifestazione di questo schema mentale. Ancora un altro riflesso dello stesso modello cognitivo è la persistenza di mentalità da guerra fredda e la divisione bipolare del mondo in “noi superiori ” e “gli altri inferiori”. La paura e la fobia circa l’emergere di nuovi attori sulla scena mondiale ne è un altro.

In un tale contesto, la violenza governativa e non governativa, religiosa, etnica  e persino razziale è aumentata  e non vi è alcuna garanzia che l’era della quiete tra le grandi potenze rimarrà immune da tali discorsi violenti, pratiche e azioni. L’impatto catastrofico di una retorica violenta ed estremisti non dovrebbe – in realtà, non deve – essere sottovalutato.

In questo contesto, la violenza strategica, che si manifesta nel privare i giocatori regionali dall’azione nel loro dominio naturale, in politiche di contenimento, nel cambio di regime dal di fuori e negli sforzi verso la ridefinizione dei confini e delle frontiere politiche, è estremamente pericolosa e provocatoria.

Il discorso politico internazionale prevalente raffigura un centro civilizzato circondato da periferie che non lo sono. In questo quadro, la relazione tra il centro del potere mondiale e le periferie è egemonica. Il discorso di assegnare al Nord il centro della scena e relegare il Sud a periferia ha portato alla creazione di un monologo a livello di relazioni internazionali. La creazione di distinzioni di identità illusorie e le attuali forme di violenza prevalenti di xenofobia sono il risultato inevitabile di un tale discorso. La ingiustificata propagazione di discorsi fede-fobici,  islamo- fobici, Shia – fobici e Iran-fobici effettivamente rappresentano gravi minacce contro la pace mondiale e la sicurezza umana.

Questi discorsi propagandistici hanno assunto proporzioni pericolose attraverso la rappresentazione e l’apprendimento di minacce immaginarie o presunte. Una tale minaccia immaginaria è la cosiddetta ” minaccia iraniana”, che è stata utilizzata come pretesto per giustificare un lungo catalogo di reati e pratiche catastrofiche nel corso degli ultimi tre decenni. L’armare il regime di Saddam Hussein con armi chimiche e il sostenere i talebani e Al-Qaida sono solo due esempi di tali catastrofi. Lasciatemi dire questo in tutta sincerità di fronte a questa assemblea mondiale che, sulla base di prove inconfutabili, coloro che insistono sulla cosiddetta minaccia dell’Iran sono o una minaccia contro la pace e la sicurezza internazionale o promuovono loro stessi una tale minaccia. L’Iran non costituisce assolutamente una minaccia per il mondo o per la regione. Infatti, negli ideali così come nella pratica attuale, il mio paese è stato foriero di pace giusta e sicurezza globale.

Signor Presidente, Signore e Signori, in nessuna parte del mondo la violenza è stata così mortale e distruttiva come nel Nord Africa

e nell’Asia occidentale. L’intervento militare in Afghanistan, la guerra di Saddam Hussein imposta contro l’Iran, l’occupazione del Kuwait, gli interventi militari contro l’Iraq, la brutale repressione del popolo palestinese, l’assassinio di persone comuni e personaggi politici in Iran e gli attentati terroristici in paesi come l’Iraq, l’Afghanistan e il Libano sono esempi di violenza in questa regione negli ultimi tre decenni.

Quella che è stata – e continua ad essere – praticata contro le persone innocenti della Palestina non è altro che violenza strutturale. La Palestina è sotto occupazione, i diritti fondamentali dei palestinesi sono tragicamente violati e sono privati ​​del diritto al ritorno e all’accesso alle loro case, alla loro culla e patria. L’Apartheid come concetto difficilmente può descrivere i crimini e l’aggressività istituzionalizzata contro il popolo palestinese innocente.

La tragedia umana in Siria rappresenta un doloroso esempio di diffusione catastrofica di violenza ed estremismo nella nostra regione. Fin dall’inizio della crisi e quando alcuni personaggi regionali e internazionali hanno contribuito a militarizzare la situazione attraverso l’infusione di armi e intelligence nel paese e il sostegno attivo di gruppi estremisti, abbiamo sottolineato che non vi era alcuna soluzione militare alla crisi siriana. Il perseguimento di strategie espansionistiche e l’obiettivo di cambiare l’equilibrio regionale attraverso governi delegati non può essere camuffato dietro la retorica umanitaria. L’obiettivo comune della comunità internazionale dovrebbe essere una rapida fine alla uccisione degli innocenti. Pur condannando qualsiasi uso di armi chimiche, accogliamo con favore l’accettazione da parte della Siria, della Convenzione sulle armi chimiche e crediamo che l’accesso da parte di gruppi terroristici estremisti a tali armi è il più grande pericolo per la regione che deve essere considerato in qualunque piano di disarmo. Allo stesso tempo, vorrei sottolineare che la minaccia illegittima e inefficace all’uso della forza o l’uso effettivo della forza stessa porteranno solo ad un ulteriore inasprimento della violenza e della crisi nella regione.

Il terrorismo e l’uccisione di persone innocenti rappresentano la disumanità finale di estremismo e di violenza. Il terrorismo è una piaga violenta che non conosce paesi o confini nazionali. Ma, la violenza e le azioni estreme, come l’uso di droni contro persone innocenti in nome della lotta contro il terrorismo dovrebbero essere condannati. Ecco, vorrei anche dire una parola sull’assassinio di scienziati nucleari iraniani. Per quali crimini sono essi stati assassinati? Le Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza dovrebbero rispondere alla domanda: i colpevoli stati condannati?

Sanzioni ingiuste, come manifestazioni di violenza strutturale, sono intrinsecamente disumane e contro la pace. E contrariamente a quanto sostenuto da coloro che le perseguono e impongono, queste sanzioni non sono dirette contro gli Stati e l’élite politica, ma piuttosto, è la gente comune la vittima di queste sanzioni. Non dimentichiamoci dei milioni di iracheni che, a seguito di sanzioni contemplate nel gergo giuridico internazionale, hanno sofferto e perso la vita e molti altri che continueranno a soffrire per tutta la vita. Queste sanzioni sono violenza pura e semplice, siano esse chiamate intelligenti o altro, unilaterali o multilaterali. Queste sanzioni violano i diritti umani inalienabili, tra cui, il diritto alla pace, la lotta per lo sviluppo, il diritto di accesso alla salute e all’istruzione e, soprattutto, il diritto alla vita. Le sanzioni, al di là di ogni e qualsiasi retorica, causano belligeranza, guerra e sofferenza umana. Va tenuto presente, tuttavia, che l’impatto negativo, non è limitato alle vittime designate delle sanzioni, ma colpisce anche l’economia e la sussistenza di altri paesi e società, compresi i paesi che impongono le sanzioni.

Signor Presidente, Eccellenze, la violenza e l’estremismo al giorno d’oggi sono andati al di là del regno fisico e hanno

purtroppo afflitto e appannato le dimensioni mentali e spirituali della vita nelle società umane. La violenza e l’estremismo non lasciano spazio per la comprensione e la moderazione, come basi necessarie della vita collettiva degli esseri umani e la società moderna. L’intolleranza è la situazione del nostro tempo. Abbiamo bisogno di promuovere e rafforzare la tolleranza alla luce degli insegnamenti religiosi e approcci culturali e politiche adeguate. La società umana deve essere elevata da uno stato di mera tolleranza a quello di collaborazione collettiva. Non dobbiamo solo tollerare altri. Dobbiamo superare la semplice tolleranza ed ambire a lavorare insieme.

La gente di tutto il mondo è stanca della guerra, la violenza e l’estremismo. Essi sperano in un cambiamento dello status quo. E questa è un’opportunità unica – per tutti noi. La Repubblica Islamica dell’Iran ritiene che tutti i problemi possono essere gestiti – con successo – attraverso una intelligente e sapiente miscela di speranza e di moderazione. I guerrafondai sono intenti ed estinguere ogni speranza. Ma la speranza di cambiamento in meglio è un concetto religioso innato, diffuso e universale.

La speranza si fonda sulla fede nella volontà universale delle persone di tutto il mondo di combattere la violenza e l’estremismo, di amare il cambiamento, di opporsi strutture imposte, di compiere delle scelte e di agire in conformità alla responsabilità umana. La speranza è senza dubbio uno dei più grandi doni elargiti gli esseri umani dal loro Creatore. E la moderazione consiste nel pensare e nel muoversi in maniera saggia, giudiziosa, consapevole del tempo e dello spazio e nell’allineare gli ideali perseguiti con la scelta delle strategie e delle politiche efficaci, essendo consapevole delle realtà oggettive.

Il popolo iraniano, in una scelta giudiziosamente sobria nelle recenti elezioni, ha votato per un discorso di speranza, lungimiranza e moderazione prudente – sia in patria che all’estero. In politica estera la combinazione di questi elementi significa che la Repubblica islamica dell’Iran, come potenza regionale, agirà in modo responsabile in materia di sicurezza regionale ed internazionale, ed è disposta e preparata a collaborare in questi campi, a livello bilaterale e multilaterale, con altri soggetti responsabili. Noi difendiamo la pace basata sulla democrazia e le urne ovunque, anche in Siria, Bahrein e gli altri paesi della regione e crediamo che non ci siano soluzioni violente alle crisi mondiali. Le realtà amara e brutta della società umana può essere superata solo attraverso il ricorso alla fiducia e alla sapienza umana, all’interazione e alla moderazione. Garantire la pace e la democrazia e garantire i diritti legittimi di tutti i paesi del mondo, incluso il Medio Oriente, non può – e non sarà – realizzato attraverso il militarismo.

L’Iran cerca di risolvere i problemi, non di crearli. Non vi è alcun problema che non possa essere risolto affidandosi alla speranza e alla prudente moderazione, al rispetto reciproco e al rifiuto della violenza e dell’estremismo. Il dossier nucleare iraniano è un esempio calzante. Come chiaramente affermato dal leader della Rivoluzione Islamica, l’accettazione del diritto inalienabile dell’Iran costituisce il migliore e il più semplice modo di risolvere questo problema. Non si tratta di retorica politica. Piuttosto, essa si basa su un profondo riconoscimento dello stato della tecnologia in Iran, il contesto politico globale, la fine dell’era dei giochi che non portano a nulla e l’imperativo di cercare obiettivi e interessi comuni verso il raggiungimento di un’intesa comune e di una sicurezza comune. Un altri termini: l’Iran e gli altri attori devono perseguire due obiettivi comuni come due parti tra loro inseparabili di una soluzione politica per il dossier nucleare dell’Iran .

_

Il Programma nucleare iraniano e, per quello che conta, di tutti gli altri paesi, deve perseguire esclusivamente scopi pacifici. Dichiaro qui, apertamente e senza ambiguità che, nonostante le posizioni degli altri, questo è stato, e sarà sempre, l’obiettivo della Repubblica islamica dell’Iran. Le armi nucleari e le altre armi di distruzione di massa non hanno posto nella dottrina di difesa iraniana e contraddicono le nostre convinzioni religiose ed etiche fondamentali. I nostri interessi nazionali rendono imperativa la rimozione di ogni e tutte le preoccupazioni ragionevoli sul programma nucleare pacifico dell’Iran.

Il secondo obiettivo, cioè, l’accettazione e il rispetto per l’attuazione del diritto di arricchimento in Iran e il godimento di altri diritti nucleari legati, fornisce l’unica strada per raggiungere il primo obiettivo. La conoscenza Nucleare in Iran è stata addomesticata ora e la tecnologia nucleare, comprensiva di arricchimento, ha già raggiunto  scala industriale. Si tratta, quindi, di un’illusione ed estremamente irrealistico il presumere che la natura pacifica del programma nucleare dell’Iran potrebbe essere garantita attraverso l’ostacolazione del programma tramite pressioni illegittime.

In questo contesto , la Repubblica islamica dell’Iran, insistendo sulla realizzazione dei suoi diritti e sull’imperativo di rispetto e di cooperazione internazionale in questo esercizio, è pronta a impegnarsi immediatamente in trattative con scadenze precise e orientate a risultati per costruire fiducia reciproca e rimozione di incertezze reciproche con la massima trasparenza.

L’Iran cerca un impegno costruttivo con gli altri paesi basato sul rispetto reciproco e sul comune interesse e nello stesso contesto non cerca di aumentare le tensioni con gli Stati Uniti. Ho ascoltato con attenzione la dichiarazione del Presidente Obama oggi all’Assemblea generale. Commisurato alla volontà politica della leadership negli Stati Uniti e sperando che si asterranno dal seguire l’interesse miope dei gruppi di pressione guerrafondai, si può arrivare ad un quadro di riferimento per gestire le nostre differenze. A tal fine, un uguale rispetto reciproco e nei principi riconosciuti del diritto internazionale dovrebbero governare le interazioni. Naturalmente, ci aspettiamo di sentire una voce coerente da Washington.

Signor Presidente, Signore e Signori, In questi ultimi anni, una voce dominante è stata più volte sentita: ” L’opzione militare è sul

il tavolo “. Sullo sfondo di questa contesa illegale e inefficace, lasciatemi dire forte e chiaro che “la pace è a portata di mano“. Allora, in nome della Repubblica islamica dell’Iran propongo, come passo iniziale, l’esame da parte delle Nazioni Unite del progetto: “Il mondo contro la violenza e l’estremismo” (World Against Violence & Extremism – WAVE: ONDA in italiano ) uniamoci tutti a questa ONDA, io invito gli stati, le organizzazioni internazionali e le istituzioni civili ad intraprendere un nuovo sforzo per guidare il mondo in questa direzione. Dovremmo cominciare a pensare ad una “Coalizione per  una Pace Duratura” in tutto il mondo al posto delle inefficaci “coalizioni di guerra” in varie parti del mondo.

Oggi, la Repubblica islamica dell’Iran invita voi e l’intera comunità mondiale a fare un passo avanti, un invito ad unirsi all’ONDA: Il Mondo contro la violenza e l’estremismo. Dovremmo accettare ed essere in grado di aprire un nuovo orizzonte in cui la pace prevalga sulla guerra, la tolleranza sulla violenza, i progressi sui sacrifici, la giustizia sulla discriminazione, la prosperità sulla povertà e la libertà sul dispotismo.

(…)

Nonostante tutte le difficoltà e le sfide, sono profondamente ottimista per il futuro. Non ho alcun dubbio che il futuro sarà luminoso con il mondo intero che sceglierà di rifiutare la violenza e l’estremismo. Una prudente moderazione assicurerà un futuro brillante per il mondo. La mia speranza, a parte l’esperienza personale e nazionale, emana dalla convinzione condivisa da tutte le religioni divine che un buono e luminoso futuro attende il mondo. Come affermato nel Sacro Corano:

E abbiamo proclamato nei Salmi, dopo che avevamo annunciato nella Torah , che i miei servi virtuosi erediteranno la terra . ( 21:105 )

Grazie Signor Presidente

 

Fonte:

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

SCIE CHIMICHE, IL DOCUMENTO DEL SENATO

Mentre parte una campagna di sensibilizzazione mediante uno