Lo IOR dietro la fabbrica di armi italiana Beretta?

667

Qualche tempo fa era insistentemente circolata questa voce che vedeva protagonista una delle istituzione vaticane più potenti, lo IOR, e una delle fabbriche italiane di armi più famose nel mondo, la Beretta.

Cosa c’entrano lo IOR e la Beretta? Se lo sono chiesto in molti leggendo le notizie comparse su diversi siti su internet in cui si millantava una presunta partecipazione azionaria dell’Istituto delle Opere Religiose nella Fabbrica Armi Beretta. Più precisamente, si diceva che lo IOR fosse addirittura il secondo azionista dell’impresa, dopo la quota di maggioranza in possesso dell’ultimo erede della famiglia.

La verità, però, è un’altra. Lo IOR è assolutamente estraneo alla Beretta e questa notizia è stata una bufala messa online forse per gioco, forse per propaganda, senza nessun fondamento oggettivo che possa essere in qualche modo comprovato da fatti realmente accaduti.
Risalendo all’origine della notizia, pare che questa sia stata diffusa assieme una foto particolare, che riprende un cardinale della chiesa Cattolica, Józef Glemp, ripreso con un fucile da guerra in mano nell’atto di prendere la mira circondato da alcuni funzionari. Le accuse rivolte alla Chiesa dopo quest’immagine sono state di ricerca di soldi e potere attraverso le lobby delle armi, assicurandosi una quota notevole in una delle società più grandi del mondo.

La foto, però, esiste davvero: il cardinale Józef Glemp ha realmente imbracciato quel fucile. Ma allora, cosa è successo? Il mistero è stato svelato rapidamente dallo stesso Vaticano, che ha escluso categoricamente una partecipazione dello IOR nella Fabbrica Armi Beretta e ha spiegato come la foto del cardinale Józef Glemp sia stata scattata durante una visita diplomatica che il religioso ha effettuato in Russia, dove è stato inviato a fare visita a una piccola comunità cattolica cristiana in una caserma. Qui, tra uno scherzo e una battuta, al cardinale è stato messo in mano il fucile per fare una foto goliardica e senza nessun apparente secondo fine che, però, come era facilmente prevedibile, ha rapidamente fatto il giro del mondo.
Se, però, si osserva con attenzione la fotografia del cardinale Józef Glemp, si nota chiaramente come sia assente il calcio e il fucile non sia carico. Gli esperti di armi, inoltre, hanno immediatamente fatto notare come quello che imbraccia il cardinale non sia nemmeno un fucile Beretta ma un Dragunov SVD, che si ispira all’americano M24.

Questo sembra sia bastato a ridimensionare le accuse sullo IOR e sul Vaticano che, tuttavia, è perennemente al centro di possibili intrighi e scandali che emergono da fantomatici documenti che vengono periodicamente pubblicati e analizzati dagli esperti di tutto il mondo. Lo IOR è un’istituzione religiosa di grande potenza, fondata del lontano 1942 da Papa Pio XII.

Ma allora, cosa è successo realmente? Il cardinale Józef Glemp è la personalità religiosa più importante in Polonia e la sua figura è spesso messa sotto il fuoco nemico a causa della sua netta posizione contro i movimenti comunisti: forse è proprio questa la ragione per cui il cardinale Józef Glemp sia stato messo a sua insaputa al centro di un intrigo mondiale artatamente creato per mettere in ombra la sua figura e gettare fango sulle istituzioni vaticane.

Il team di BreakNotizie