L’Isola di Pasqua sta per scomparire per colpa dei cambiamenti climatici

448
lisola-di-pasqua-sta-per-scomparire-per-colpa-dei-cambiamenti-climatici

I cambiamenti climatici stanno mettendo a rischio l’isola di Pasqua e con essa anche le meraviglie storiche custodite da centinaia di anni.

I profondi cambiamenti climatici di questi ultimi decenni stanno mettendo a dura la sopravvivenza dell’Isola di Pasqua che si sta inesorabilmente inabissando. Anno dopo anno il livello del mare sta salendo, inghiottendo parte delle coste dell’isola. Questo fenomeno, per quale non esiste attualmente una soluzione, potrebbe comportare anche la sommersione dei famosi moai, la maggior parte collocati in prossimità del mare.

Il mare si porterà via un immenso patrimonio storico

Le gigantesche statue monolitiche, realizzate a cavallo fra il 1100 e il 1680, sono ciò che rimane di un’antica quanto misteriosa civiltà sulla quale ancora numerosi studiosi indagano e che venne annientata per cause ancora ignote. Secondo le previsioni degli esperti nel 2100 Rapa Nui presenterà una circonferenza più piccola di 4 metri. L’allarme è stato lanciato dall’Onu, che ha promosso un progetto di controllo dei patrimoni dell’umanità per poter stabilire in che modo i cambiamenti climatici stanno avendo delle ripercussioni negative sul nostro Pianeta. Nel prossimo secolo i misteriosi giganti potrebbe scomparire, sommersi dalle acque dell’Oceano Pacifico. Camilo Rapu, a capo dell’organizzazione che monitora il Parco Nazionale di Rapa Nui, ha espresso la sua preoccupazione in merito: “Non essere in grado di proteggere le ossa dei tuoi stessi antenati ti fa sentire impotente”.

moai-rapa-nui

Soluzioni possibili?

Anche le altre isole del Pacifico rischiano di essere sommerse a causa dell’innalzamento del livello delle acque, come ad esempio le isole Salomone e le Marshall. Un altro fenomeno preoccupante è l’erosione: gli esperti stanno progettando un sistema per frenare l’azione delle onde sull’atollo di Runga Va’. Una soluzione alternativa potrebbe essere spostare i moai dalla costa. Questo espediente permetterebbe anche alle generazioni future di poter godere della bellezza di queste antiche opere d’arte.

Il Team di BreakNotizie

Leggi anche:

Ritorno all’Eocene: il possibile effetto dei cambiamenti climatici sulla Terra

I cambiamenti climatici e le responsabilità umane negate