Le tecniche per riscoprire il Sé superiore

Le tecniche per riscoprire il Sé superiore

- in Spiritualità
909
0

Vuoi elevarti dal Sè inferiore al Sè superiore? Dentro di noi esiste questa essenza divina. Scopri le tecniche per ricollegarti ad essa.

Ti capita spesso di sentirti schiacciato dal peso delle cose materiali di tutti i giorni? Ti interroghi sul senso della vita e sul suo scopo ultimo e profondo? Vorresti innalzarti al di sopra della futilità e dell’insoddisfazione e aspiri a qualcosa di più grande, che abbia il sapore dell’immenso? Allora anche tu sei alla ricerca del tuo Sè superiore.

Cos’è il Sè superiore? Il Sè Superiore è la nostra vera essenza, il nostro vero Spirito, che è semplicemente nascosto dietro l’involucro materiale del corpo e che aspetta di manifestarsi. Molti chiamano il Sè Superiore: Anima, o anche Guida, oppure Spirito. Ma al di là dei termini, è importante capire che, se riusciamo a diventare consapevoli di questo Sè Superiore e a costituire un tutt’uno con esso, la nostra vita cambierà. Questa essenza superiore si contrappone al nostro Sè inferiore, che è quell’Io falso e illusorio che si manifesta nella realtà di tutti i giorni. E’ un Io sonnolente, che si lascia dominare solo dalla mente; ma la mente non è in grado da sola di avere una visione di insieme, la visione del Tutto. Mentre il Sè Superiore ha il potere di possedere questa visione e ci fa essere profondamente consapevoli e in grado di determinare la nostra esistenza. 

Elevarsi al Sè Superiore garantisce pace, gioia e serenità. Ma come fare per riscoprirlo? Qui entra in gioco l’importanza della meditazione. Una delle strade migliori che ci avvicina a questa essenza superiore è senz’altro la meditazione. Questa fa sì che la mente si svuoti dal fracasso dei pensieri quotidiani assordanti e ci mette in comunicazione con la nostra voce interiore. La meditazione, che si pratica nel silenzio, è uno strumento eccellente per riportare l’attenzione dall’esterno verso l’interno di noi. E’ purificatrice, rilassante e ci conduce verso la calma.

La meditazione e il silenzio, abbiamo visto, sono tecniche indispensabili per innalzarci dal Sè inferiore al Sè superiore. Il passo successivo, nel silenzio, è quello di ascoltare le proprie voci interiori. Non bisogna avere paura di queste voci: loro sono la nostra guida. All’inizio possono sembrare solo delle sensazioni o delle intuizioni, che ci fanno prendere una certa decisione o evitare talune persone. Ma se le si ascolta bene possono aiutarci a prendere delle decisioni importanti in campo lavorativo o persino a guarire da qualche problema di salute che ci assilla. All’inizio non è facile instaurare una comunicazione con queste voci, perché non siamo abituati. Perciò è opportuno utilizzare un quaderno per appuntare le domande da fare loro e le risposte che sentiamo dentro di noi.

Un’altra tecnica molto proficua per riscoprire il Sé superiore è quella di dedicare almeno un momento di ogni nostra giornata ad essere grati. La gratitudine per le piccole grandi cose: un sorriso, un abbraccio, l’affetto del nostro animale domestico, il blu del cielo, l’odore del mare. Oltre ad essere grati, poi, è vitale concentrarsi su sentimenti positivi. Questi aiutano il nostro cammino spirituale e ci indicano le soluzioni di eventuali problemi, evitandoci di rimanere ancorati solo alla causa dei problemi medesimi.

Sicuramente esistono ulteriori tecniche per raggiungere il Sé superiore ma queste sono, a nostro avviso, quelle da attuare fin dall’inizio e quelle più efficaci.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Codacons: altro che crisi, affari per 8 miliardi di euro per astrologi e maghi

Il settore dell’occulto non conosce crisi in Italia: