Le regole per avere un orto perfetto

Le regole per avere un orto perfetto

- in Casa
674
0

Curare il proprio orto nel modo giusto significa godere dopo di un raccolto abbondante e sano. Si tratta di un’attività che richiede impegno e fatica, ma basterà seguire queste semplici regole per avere ottimi risultati.

1 – La scelta del terreno
La maggior parte degli ortaggi ha bisogno di sole per crescere bene, meglio optare quindi per un’ubicazione che abbia una buona esposizione.

2 – Conoscere il ritmo delle stagioni
Documentarsi sulle diverse tecniche di coltivazione è il passo successivo per l’organizzazione di un orto perfetto. Utilissimo in questo caso un calendario sulle semine.

3 – Curare il terreno
Una volta ripulita da tutte le erbacce e detriti eventuali occorre zappare tutta l’area, cercando di frantumare le zolle in piccoli pezzi, per dare al terreno la possibilità di ossigenarsi. Bisognerà poi risistemare la terra con l’ausilio del rastrello. Dopo qualche giorno di riposo si ripetono daccapo le due operazioni.

4 – Annaffiare
Gli ortaggi hanno bisogno di essere innaffiati regolarmente ma non bisogna creare dei ristagni e a non far “annegare” le piantine. Meglio evitare il getto d’acqua diretto e prediligere quello a pioggia, più delicato.

5 – Occhio ai parassiti
Se si notano questi inquilini indesiderati bisogna provvedere subito all’acquisto di antiparassitari, biologici e adatti alle coltivazioni.

6 – La raccolta
Per staccare l’ortaggio dal rametto senza compromettere la salute della piantina, occorre farlo ruotare in senso antiorario in maniera delicata, tenendolo in mano, e poi tirando piano verso il basso.

7 – Il riposo
Al termine del raccolto, l’orto deve essere messo a riposare. Ciò non significa abbandonarlo: bisogna ripulirlo dai residui della semina, zapparlo e rastrellarlo. Questo per prepararlo alla semina dell’anno successivo.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di