Le principali multinazionali Usa hanno evaso il fisco per 1200 miliardi di dollari. Ma la notizia non diviene uno scandalo internazionale.

Le principali multinazionali Usa hanno evaso il fisco per 1200 miliardi di dollari. Ma la notizia non diviene uno scandalo internazionale.

- in Economia
552
0

Le grandi aziende nord-americane hanno eluso il fisco per oltre 1100 milardi di dollari. Per farlo hanno utilizzato 1600 filiali in paradisi fiscali. Parliamo di Apple, General Eletric, Goldman Sachs, Microsoft e Pfizer.  Lo rivela un rapporto della ONG OXfam pubblicato ieri.

Scrive l’ANSA:

Le compagnie sono tra le maggiori beneficiarie del sostegno dei contribuenti, ricevendo ben 11.000 miliardi di dollari tra aiuti federali e garanzie sui prestiti tra il 2008 e il 2014, mentre hanno evaso nello stesso periodo centinaia di miliardi di dollari di tasse. Oxfam ha calcolato che queste 50 compagnie hanno ricevuto in totale 27 dollari in prestiti per ogni euro pagato come tassa federale e, a fronte di profitti per circa 4000 miliardi di dollari tra il 2008 e il 2014, hanno pagato un indice fiscale effettivo medio del 26,5%, al di sotto di quello previsto del 35% e anche di quello medio di lavoratore americano (31,5%). In testa alla classifica del rapporto figura Apple, che avrebbe ammassato 181 miliardi di dollari in paradisi fiscali, seguita da General Electric (119 mld), Microsoft (108) e Pfizer (74). Ma ci sono anche Dow Chemical, Chevron, Walmart, Ibm, Procter & Gamble.Se i Panama Papers, scandalo creato attraverso la Cia da un pool di giornali finanziato da Soros, ha creato un polverone inaudito perché all’interno c’era un amico di Putin, sui 1200 miliardi – per intenderci parliamo di una somma superiore alla produzione economica di Russia, Sud Corea e Spagna – non si trasforma in scandalo internazionale. Forse perché queste 50 multinazionali controllano direttamente e indirettamente politica e stampa?

A rendere ancora più intollerabile la situazione è il fatto che queste multinazionali abbiano, di fatto, ricevuto un importante sostegno proprio dal pubblico.

Riporta Rai News:

Tra il 2008 e il 2014 le 50 aziende analizzate da Oxfam avrebbero infatti pagato in tasse 1 miliardo di dollari, ma trattenuto offshore 1,4 miliardi di dollari e ottenuto 11,2 mila miliardi di dollari in prestiti federali, bailout e garanzie di prestito, durante lo stesso periodo.

 

 

 

 

 

 

 

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=15240

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ecco perché baciare fa bene alla salute

Sapevate che baciare è un toccasana per la