Le 10 frasi più spaccone di Ibrahimovic

Le 10 frasi più spaccone di Ibrahimovic

- in Sport
1345
0

La raccolta delle frasi più famose dette nel corso della sua carriera:

10. Durante la permanenza a Barcellona, uscirono diversi rumors su una presunta love-story con il compagno di squadra Gerard Piquè. Quando una reporter spagnola chiese lumi sulla sua presunta omosessualità, la risposta di Zlatan non si fece attendere:

“Vieni a casa mia e ti faccio vedere quanto sono gay. E porta anche tua sorella.” 

9. La stagione in blaugrana non verrà certamente ricordata come la migliore della sua carriera, anzi. In particolare per una visione del calcio esattamente opposta a quella del tecnico dei record, Pep Guardiola. Questa l’opinione di Zlatan sul suo utilizzo:

“E’ come aver comprato una Ferrari e guidarla come una Fiat.”

8. Dopo la recente eliminazione della sua Svezia per opera del Portogallo di Cristiano Ronaldo, la domanda è stata spontanea: che Mondiale sarà senza Ibra?

“Un Mondiale senza di me è poca cosa. Non c’è davvero nulla da guardare e non vale nemmeno la pena aspettarlo con ansia.” 

7. Zlatan ha dimostrato più volte di esser molto geloso della sua vita privata. Un giorno si presentò ad una conferenza stampa della Nazionale svedese con un evidente taglio al viso. Interrogato su come se lo fosse procurato, Ibra liquidò il cronista:

“Non lo so…puoi chiedere a tua moglie…”

6. Correva l’anno 2000, l’ allora giovanissimo calciatore del Malmoe, Zlatan Ibrahimovic, era praticamente un giocatore dell’Arsenal. Arsene Wenger aveva intravisto in lui del potenziale. Lo svedese non firmò però mai nessun contratto con i Gunners poiché giunto al centro sportivo si rifiutò di effettuare il provino:

“Wenger mi aveva offerto un provino all’Arsenal. All’inizio volevo farlo, ma alla fine dissi di no. Zlatan non fa provini.”

5. Arrivato agli sgoccioli del suo rapporto con Guardiola, iniziarono a girare voci su possibili scontri, verbali e non, con il mister. Questa la visione, non così pacifica, della situazione di Zlatan:

“Non sono violento, ma se fossi in Guardiola avrei paura.”

4. Saltato il trasferimento all’ Arsenal per i problemi di cui sopra, a 20 anni viene ingaggiato dall’ Ajax per 8 milioni. Durante la conferenza stampa gli viene chiesto come si sarebbe presentato ai nuovi compagni:

“Io sono Zlatan. Voi chi diavolo siete?”

3. John Carew, attaccante della nazionale norvegese, ebbe la malaugurata idea di dire la sua su Zlatan. La sua opinione era che fosse poco incisivo sotto porta, che avrebbe potuto segnare molti più gol. Interpellato sull’argomento, Ibra rispose con il solito aplomb:

“Quello che Carew riesce a fare con una palla da calcio, io lo faccio con un’arancia”

2. In una recente intervista gli è stato chiesto qual è il suo status nella storia del calcio:

“Sai, si dice che si diventi una leggenda nel momento in cui si passa a miglior vita. Ma nel mio caso sono una leggenda vivente.”

1. Alla vigilia del decisivo playoff di ritorno contro il Portogallo, il capitano della Svezia si presenta in conferenza stampa e alla domanda:

“Batteremo il Portogallo?” risponde “Solo Dio lo sa”. Il giornalista a quel punto incalza: “E’ un po’ difficile chiederglielo”. A quel punto la ribattuta di Ibra è da campione di spacconeria:”Ce l’hai davanti”.

 

 

 

http://www.icampionidellosport.com/2014/01/le-10-frasi-piu-spaccone-di-ibrahimovic/

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Lettera a Berlusconi, a Salvini e alla Toffa

QUATTRO PRECISE CONDIZIONI PER VOTARE FORZA ITALIA Commenti