L’artrite…si cura!

L’artrite…si cura!

- in Salute
1079
0

Quando la medicina moderna diagnostica artrite tende a definirla come una condizione patologica con la quale si sarà necessariamente obbligati a convivere fino alla morte.

La medicina allopatica, infatti, definisce l’artrite come una malattia cronica dalla quale guarire è impossibile, o quasi.
Per verificare, però, se questo è vero, è importante chiedersi prima di tutto da cosa dipenda l’insorgere della malattia.

Secondo gli igienisti, la causa primaria dei reumatismi, come di tutte le altre condizioni patologiche, risiede nella cattiva alimentazione ed in uno scorretto stile di vita: le malattie, infatti, dipenderebbero tutte dallo squilibrio dell’alcalinità dell’organismo, che dipende direttamente da quello che si mangia, e, nel caso dell’artrite, il cattivo funzionamento delle articolazioni sarebbe collegato ad un eccessivo consumo di amidi e zuccheri i quali, combinati fra loro, porterebbero ad un irrigidimento articolare.

Il problema quindi, stando alle dichiarazioni degli igienisti, sarebbe nella tossiemia, ovvero all’alto tasso di tossine presenti nel corpo a causa di una alimentazione completamente errata: lo stato patologico non sarebbe altro che il normale processo con il quale l’organismo pulisce sè stesso dalla troppa acidità e sarebbe il percorso di eliminazione delle scorie tossiche che segue a sua volta le diverse fasi dello stress, dell’indebolimento e della tossiemia vera e propria.

A questo punto, conoscendo la reale causa dell’artrite, ci si rende conto che guarirne è possibile, e per farlo è necessario eliminare le tossine da tutto il corpo, anche se la durata del trattamento dipende strettamente dallo stadio cui la malattia è arrivata. Per i primi segnali di problemi alle articolazioni, la ripresa è rapidissima, mentre i tempi si allungano di molto con gli stati avanzati dell’artrite.

Invece di utilizzare farmaci, che tendono ad accumulare un maggior numero di tossine, per aiutare il corpo a guarire è importante intervenire prima di tutto con una strettissima dieta che rialcalinizzi il sistema linfatico e tutto l’organismo e che consista nel consumo di carboidrati integrali e frutta e verdura, abbinati in modo da evitare ogni tipo di scoria indesiderata.

Inoltre, a questo è importantissimo aggiungere il movimento, con esercizi mirati per il benessere delle articolazioni, e bagni di sole, miracolosi per i problemi alle giunture.

Infine, è d’aiuto l’idroterapia, con bagni di acqua calda e fredda alternati, e basilare la fango terapia: gli impacchi di argilla, infatti, aiutano a rimuovere le tossine attraverso i pori della pelle.

Per aiutare ulteriormente l’organismo a rigenerarsi, si può aggiungere una corretta masticazione ad ogni pasto, il rispetto di un preciso ordine nel consumo dei cibi, partendo da quello crudo e terminando con quello cotto, ed infine il consumo di circa 3 litri d’acqua al giorno, meglio se lontano dai pasti principali.

Per guarire, quindi, bisogna aiutare il corpo a rigenerarsi e a ristabilire le proprie corrette proporzioni, ma è anche necessario agire sul proprio IO spirituale: chi ha problemi alle articolazioni è spesso chi ha un carattere molto rigido, cui si abbina altrettanto di frequente una certa facilità ad irritarsi.
Tutto questo andrebbe a scapito proprio delle giunture, la parte del corpo più rigida in assoluto, che si andrebbe ad infiammare nel momento in cui dalla poca elasticità si passa alla vera e propria arrabbiatura.
Rigenerare il proprio corpo per guarire può quindi diventare occasione per crescere anche spiritualmente.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di