La storia di un’amicizia straordinaria

234

La natura riesce spesso a sorprenderci con le sue storie che parlano di amore, di solidarietà e, qualche volta, di amicizia. Perché non c’è termine migliore di amicizia per raccontare questa storia che parla di un legame davvero insolito, nato nelle vaste e solitarie radure della Finlandia, tra un lupo grigio ed un orso bruno.

E’ stato il fotografo finlandese Lassi Rautiainen a scoprire questi due amici inseparabili, osservandoli e fotografandoli per dieci giorni consecutivi. Il risultato è un reportage fotografico davvero emozionante e suggestivo. L’orso e la lupa (perché si tratta di un’esemplare femmina) condividono ogni momento della giornata, anche quello del pasto. Ogni preda catturata, infatti, viene divisa tra i due come succede in una vera famiglia. Ma non solo, i due si scambiano coccole e amano rincorrersi, come cuccioli nati da una sola madre. Chi guarda queste fotografie non può non accorgersi che, ormai, i due sono inseparabili e non possono più fare a meno l’uno dell’altro.

Nessuno riesce a capire come sia potuta iniziare questa incredibile amicizia, ma forse la spiegazione è la solitudine in cui, entrambi, si sono venuti a trovare. Forse rimasti soli da cuccioli, hanno trovato l’uno nell’altro un fratello, un compagno, un amico con il quale vivere e sopravvivere.
E i due hanno così finito per crescere e invecchiare insieme, sempre uniti e sempre aiutandosi nei momenti di difficoltà. Forse solo così sono riusciti a evitare un destino crudele e solitario.

Il fotografo Lassi racconta che per lui questa esperienza è stata davvero indimenticabile e che mai si sarebbe aspettato di vedere un evento così raro e così toccante. Ma anche così selvaggio: le fotografie scattate, infatti, mostrano un mondo ancora incontaminato dove gli animali e la natura sono ancora padroni e dove l’uomo non può che essere soltanto spettatore di questi meravigliosi momenti. Grazie a questo fotografo finlandese, che ha deciso di condividere con il mondo intero i suoi scatti, possiamo assistere a questo evento unico.

Un evento che ci deve anche portare a riflettere sulla nostra condizione di essere umani. Molto spesso noi uomini ci reputiamo i soli detentori della ragione e della conoscenza, ma siamo anche i primi a vedere con diffidenza e paura chi è diverso. La natura, invece, in certe occasioni ci mostra come le diversità non contino e come, di fronte ad un bisogno più grande come quello della sopravvivenza, soltanto l’unione tra diverse razze, tra diverse specie, tra diverse forme, sia l’unica in grado di portare verso un futuro migliore.

Dovremmo più spesso soffermarci ad osservare il comportamento dei nostri amici animali ed imparare ad imitare la loro bontà ed anche il loro senso dell’amicizia. Forse è proprio da questi scatti, così profondi e così belli, che potremo andare oltre le differenze che caratterizzano ognuno di noi e capire, finalmente, che apparteniamo tutti quanti ad un unica, grande, madre chiamata Terra.

Il team di BreakNotizie