La crisi venezuelana: dittatura contro democrazia? O Stati Uniti contro Venezuela?

La crisi venezuelana: dittatura contro democrazia? O Stati Uniti contro Venezuela?

- in Politica
441
0

Le verità nascoste della crisi venezuelana: la cattiva informazione è connivente con gli interessi segreti degli Stati Uniti in Venezuela.

Il tam tam mediatico da mesi non fa altro che proporci come tema del giorno la crisi venezuelana. Eppure, anziché essere più informati, siamo finiti con l’avere una visione distorta di quanto sta accadendo in Venezuela. Ci sono almeno due aspetti gravi e allarmanti in questa situazione, che è bene mettere subito in evidenza. Il primo riguarda la cattiva informazione, la verità distorta, la manipolazione dei fatti reali. L’altro riguarda la cospirazione da parte degli Stati Uniti.

Ma facciamo un passo indietro: cosa ci racconta da mesi l’apparato mediatico a proposito della crisi venezuelana? Ci dice che il popolo del Venezuela ha sete di libertà e che si dibatte per liberarsi dal feroce dittatore Nicolas Maduro. Inoltre ricollega tutti i mali attuali del Venezuela alla contrapposizione tra dittatura e democrazia. Ma i Media non hanno trasmesso solo questo messaggio. Ben lungi dall’informare, hanno restituito un quadro denigratorio del Venezuela. Deliberatamente hanno distorto i dati riguardanti l’inflazione e poi strumentalizzato la carenza di cibo venutasi a creare nel Paese. E oltretutto hanno preso le difese degli oppositori di Nicolas Maduro, sebbene talvolta esponenti di gruppi ancora più violenti. A che scopo gli organi mediatici avrebbero manipolato la realtà sulla crisi venezuelana? E qui subentra il secondo aspetto grave della situazione: la cospirazione da parte degli Usa.

La generale disinformazione è connivente nei confronti delle volontà occulte degli Stati Uniti. Infatti fa in modo che i disordini e la crisi venezuelana non vengano ricondotti ad una pianificazione da parte dei poteri forti, di Washington e di Wall Street. E’ molto più comodo farli apparire come il risultato dello scontro tra i sostenitori della dittatura e quelli della democrazia. In realtà gli Stati Uniti non sono affatto nuovi a tentativi di golpe, in particolare nel Sud America. Basti guardare, solo per citare due esempi, a Cuba e al Cile e agli atti e alla posizione degli Stati Uniti in entrambe quelle situazioni. Nel caso del Venezuela, la verità è legata al petrolio e all’energia. Controllare il territorio venezuelano vorrebbe dire per gli Usa manipolare i prezzi dell’energia e accentrare ancora più potere nelle sue mani.

Ecco perché Washington mira a rovesciare il governo attuale; solo installando un governo fantoccio filoamericano, si potrà attuare nel Paese la politica degli Stati Uniti e dei suoi alleati, che mira innanzitutto ad appropriarsi delle risorse venezuelane. Le campagne mediatiche di denigrazione nei confronti del Venezuela vanno così sistematicamente a coprire l’attacco alla sua stabilità sociopolitica ed economica da parte degli Americani. Un altro intervento statunitense fuori dai suoi confini, le cui vere intenzioni vengono mascherate dal finto scopo di portare la libertà americana in Paesi oppressi.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Olio usato: ecco perché non devi buttarlo

Il rifiuto prodotto in cucina può essere rigenerato